Trump non vuole farla girare. The Donald lancia la sua battaglia contro la legalizzazione della cannabis

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Donald Trump strozza gli stupefacenti sogni degli statunitensi – che hanno legalizzato l’uso ricreativo della cannabis in sei Stati con i referendum votati proprio nella stessa tornata che ha portato il tycoon alla Casa Bianca – con una vera e propria guerra alla cannabis, appunto. Dopo che il Capodanno è partito in California con la nuova legge l’amministrazione repubblicana, secondo il Wall Street Journal, attraverso il ministro della Giustizia, Jeff Sessions, annullerà la politica dell’era Obama: ovvero scoraggiare i procuratori federali a perseguire reati legati alla marijuana negli Stati che l’hanno legalizzata.

La mossa, che era già nell’aria, dovrebbe essere annunciata dal dipartimento di giustizia e sarà ovviamente una vera dichiarazione di guerra contro la liberalizzazione di questo stupefacente.

La legge che Trump vorrebbe depotenziare prevede che in California i cittadini di oltre 21 anni possono possedere un’oncia di cannabis (equivalente a 28 grammi) e coltivare a casa fino a sei piantine. Resta vietato l’uso nei luoghi pubblici ad esempio al ristorante o al cinema e al volante.