Trump presidente, De Niro ora vuole emigrare. Dove? In Italia. A Campobasso

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Robert De Niro l’aveva detto chiaramente: Donald Trump non sarebbe stato il suo presidente. E non a caso, ospite dello show di Jimmy Kimmel, il premio Oscar ha parlato chiaro: “Sono un cittadino italiano, probabilmente dovrò trasferirmi lì”.

Un mese fa, d’altronde, Robert De Niro ha attaccato a testa bassa il neopresidente degli Stati Uniti con un video diventato un cult: “E’ così stupido. E’ un cane, un maiale. Un artista della stronzata. Non paga le tasse, è un disastro nazionale. Mi fa arrabbiare il fatto che questo paese sia arrivato al punto di consentire a quest’idiota di arrivare sin qui”, diceva De Niro.

“Prenderlo a pugni? Non posso, è il presidente”, ha aggiunto De Niro. “Devo rispettare il suo ruolo, vediamo cosa farà e se davvero darà seguito a certe affermazioni. Come vediamo in molte città, tante persone sono arrabbiate e stanno protestando”, ha proseguito.

La chiacchierata si è spostata poi sull’Italia: anche Jimmy Kimmel ha origini italiane, visto che i suoi nonni sono arrivati negli Stati Uniti da Ischia. “Sono più italiano di te!”, dice Kimmel. “La mia famiglia è di Ferrazzano, dalle parti di Campobasso. Ho la cittadinanza italiana? Si, probabilmente dovrò trasferirmi lì…”.

Caro De Niro, Ferrazzano ti aspetta.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Le destre a pezzi nei Comuni

In autostrada nei giorni da bollino rosso c’è meno traffico rispetto al via vai dei sondaggi sulle prossime amministrative. Nel mazzo c’è anche roba di dubbia provenienza, a uso e consumo dei candidati che commissionano (e pagano) le indagini. D’altra parte, un po’ d’ottimismo fa

Continua »
TV E MEDIA