Trump torna a fare il duro su Twitter. E le Nazioni Unite diventano un club di chiacchiere

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Il tweet, anzi i tweet, quotidiano di Donald Trump è ormai un appuntamento imperdibile. Il presidente eletto, in attesa di insediarsi alla Casa Bianca, ha lanciato una serie di affondi. A cominciare dall’attuale capo di Stato americano, Barack Obama. “Il presidente Obama ha detto che avrebbe vinto contro di me, deve dirlo ma io dico, no, assolutamente no”. E ancora: “Il mondo era cupo prima che io vincessi – scrive ancora- non c’era speranza, ora il mercato è salito del 10% e le spese per Natale hanno superato i mille miliardi”, ha insistito Trump, indicando la lista degli errori di Obama: i posti di lavoro che diminuiscono, lo Stato Islamico, l’Obamacare.

Ma dal prossimo numero uno di Washington viene aperto un nuovo fronte di sfida: la riforma dell’Onu. “Le Nazioni Unite hanno un potenziale così grande, ma al momento sono solo un club dove le persone si riuniscono, chiacchierano e si divertono. È così triste”, ha twittato Trump a pochi giorno dal voto della risoluzione contraria agli insediamenti israeliani nei territori palestinesi. Un messaggio che rafforza un concetto già espresso: “Per quanto riguarda l’Onu, le cose saranno differenti dopo il 20 gennaio (data dell’insediamento del tycoon alla Casa Bianca, ndr)”.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Quell’asse Draghi-Renzi sui Servizi

A volte guarda che strane le coincidenze! Il direttore del Dis (il coordinamento dei Servizi segreti) Gennaro Vecchione informa il Copasir, cioè il Parlamento, che lo 007 Marco Mancini ha incontrato Matteo Renzi nell’autogrill di Fiano Romano senza informare i superiori, e 48 ore dopo

Continua »
TV E MEDIA