Turchia, oltre mille arresti nel blitz contro la presunta rete golpista di Gulen

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Con il Sultano Erdogan più forte dopo il referendum costituzionale del 16 aprile, la repressione dei presunti nemici torna nella scala delle priorità. Tanto che oggi sono state arrestate oltre mille persone in una maxi operazione che ha colpito la presunta rete guidata da Fethullah Gulen, l’imam che si è auto esiliato negli Usa e considerato dal governo di Ankara la mente del tentato golpe dello scorso 15 luglio in Turchia.

Questa mattina gli agenti hanno condotto contemporaneamente una decina di operazioni in differenti province. Secondo quanto rivelato dal quotidiano governativo Sabah la maggior parte delle persone arrestate farebbe parte proprio della polizia. Le indagini sono state coordinata dalla procura di Ankara e il ministro degli Interni, Suleyman Soylu, ha spiegato che sono finiti in manette 1.009 persone, sospettate di essere figure di coordinamento dell’organizzazione.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

La politica che ama il Medioevo

Va bene che la destra è conservatrice e quella italiana addirittura preistorica, ma quando ieri le cronache parlamentari narravano della Meloni che ha scritto a Salvini per accordarsi sui candidati alle amministrative non poteva che scapparci da ridere. Ma come: stanno sempre col telefonino in

Continua »
TV E MEDIA