Tutti a caccia del 40% ma con il Rosatellum non basta per governare. Palazzo Chigi sicuro solo col 50,1%

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Matteo Renzi è risoluto. “Se il Pd fa il Pd e smette di litigare… possiamo raggiungere… la percentuale che abbiamo preso nelle due volte in cui io ho guidato la campagna elettorale – dichiarava all’Ansa il 7 novembre –. Il 40%, raggiunto sia alle Europee che al Referendum”. Silvio Berlusconi non è da meno. “Alle politiche si va in ogni caso con lo stesso schema, il modello è vincente e saremo noi a guidare la coalizione. Ora si punta al 40%», commentavano ad Arcore dopo il successo in Sicilia. E che dire del grillino Luigi Di Maio? “Attualmente noi miriamo al 40 per cento”, spiegava il 13 novembre a Che Tempo Che Fa. Ma con il Rosatellum, basterà per avere una maggioranza autosufficiente? A quanto pare no. Almeno a leggere il vademecum del presidente del Gruppo Misto di Montecitorio, Pino Pisicchio, professore di Diritto pubblico comparato all’Unint di Roma.

Perdenti e contenti – “La nuova legge elettorale non prevede premi di maggioranza, né la parte maggioritaria (i collegi uninominali che rappresentano un terzo circa del totale) è di entità tale da correggere in modo significativo la distribuzione dei seggi che sarà fatta in rigorosa proporzione ai voti raccolti dalle coalizioni o dalle liste”. Premessa, quella di Pisicchio, che porta dritto alla conclusione: “Guardando all’assetto delle forze in campo, essenzialmente tripolare, non è difficile prevedere una non prevalenza assoluta di nessuno dei tre contendenti (centro-sinistra, centro-destra, 5 Stelle). Pertanto è assai improbabile che ciascuno dei poli abbia l’autosufficienza con la maggioranza assoluta dei seggi nei due rami del Parlamento”. Maggioranza garantita solo dal 50,1% dei voti, sottolinea il vademecum. Un’analisi, quella del deputato pugliese, che integra di fatto il suo libro “Come funzionano le leggi elettorali – Piccolo manuale delle regole del voto in Italia e nel mondo” (Giubilei) pubblicato prima dell’entrata in vigore del Rosatellum.

Si salvi chi può – Insomma, inseguendo il 40 per cento, le prossime politiche rischiano di trasformarsi in una sfida per decretare chi sarà il miglior perdente. Ma non è tutto. Nei collegi uninominali, “per sostenere un comune candidato”, i partiti “potranno dar vita a coalizioni nazionali che potranno accedere alla ripartizione dei seggi se superano una soglia di sbarramento del 10%”. Inoltre, è necessario che il candidato “faccia parte di un partito che superi il 3% dei voti validi o che sia allocato in una coalizione in cui almeno un partito l’abbia superata”, sottolinea Pisicchio. Quindi, a differenza del vecchio Mattarellum, in cui la quota proporzionale del 25% era il vero paracadute per i piccoli partiti, con il Rosatellum l’ancora di salvezza per le forze minori diventano i collegi uninominali. “Anche una lista minore che partecipi alla coalizione senza avere la ragionevole speranza di superare la soglia di sbarramento del 3% può aspirare ad avere qualche eletto attraverso le candidature nei collegi uninominali – sottolinea, del resto, Pisicchio -. In questo caso, infatti, la candidatura godrà del voto che in quel territorio tutte le liste coalizzate andranno a raccogliere con l’automatismo del voto unico”.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Quell’asse Draghi-Renzi sui Servizi

A volte guarda che strane le coincidenze! Il direttore del Dis (il coordinamento dei Servizi segreti) Gennaro Vecchione informa il Copasir, cioè il Parlamento, che lo 007 Marco Mancini ha incontrato Matteo Renzi nell’autogrill di Fiano Romano senza informare i superiori, e 48 ore dopo

Continua »
TV E MEDIA