Tutti contro il solito Renzi. Il Governo blinda Bonafede. Anche Zingaretti è stanco delle picconate quotidiane dell’ex rottamatore all’Esecutivo

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

“Nessuno può mettere il Pd in un angolo”. Nicola Zingaretti alla direzione del partito indica il percorso dem dei prossimi mesi, chiarisce ruolo e obiettivi della forza che guida, dice la sua sul governo ma, soprattutto, rimette in riga i suoi detrattori. Ovvero Matteo Renzi. Brucia lo strappo consumato da Iv sulla prescrizione, su cui Pd M5S e Leu, giovedì sera, hanno raggiunto un’intesa. Il no di Renzi ha spalancato le porte agli scenari più diversi: dall’uscita di Iv dal governo per un appoggio esterno fino all’ipotesi di un’Iv pronta a impallinare l’esecutivo per chiedere un nuovo assetto e la verifica di una nuova maggioranza.

L’ex premier respinge tutto: “Noi non ce ne andiamo ma se ci vogliono cacciare, ce lo dicano”. Zingaretti va giù duro: “Chi piccona il governo si colloca in una posizione ambigua, politicamente insostenibile”. Perché, si chiede Zingaretti, “il veto assoluto non è stato posto ad agosto quando trattavamo sul governo? Nessuno pensi di allungare in soluzioni improvvisate la legislatura, allungandone la vita in uno stato puramente vegetativo”. Renzi, indomito, ha continuato a spargere sale sulle ferite: “Se sul citofono del Nazareno c’è scritto ‘Marco Travaglio’ questa è una mutazione genetica, dal riformismo al giustizialismo”. Il governatore del Lazio non ci sta: “Sulla prescrizione si è fatto un enorme passo in avanti.

Bonafede ha stravolto la posizione di partenza. Se a volte si dice che si attacca il Matteo sbagliato, qualcuno è ossessionato e ha attaccato il partito sbagliato”. Zingaretti, con una punta di cattiveria, allude a Iv come una forza che “stenta assai nel radicamento sociale” e da cui, dice, non è disposto ad accettare “lezioni di riformismo”. Il Pd, dice il suo segretario, è l’unica forza che può fare da perno in una coalizione alternativa alle destre. Lo scenario è orientato a un bipolarismo centrodestra- centrosinistra: “Sta a Renzi decidere una sua bussola strategica. Non c’è spazio per una posizione intermedia”. La chiamata alle armi contro Salvini e le destre include anche i 5Stelle: ‘‘Il Pd non ha alcuna intenzione di essere onnivoro e lucrare sulle difficoltà altrui”, dice Zingaretti, secondo cui “il M5S oggi è in un travaglio che fa intuire il pericolo di una disgregazione”.

L’invito ai grillini è a non fare, come in Emilia e in Calabria, dove hanno deciso di ballare da soli. “Non si lasci – dichiara il governatore – ancora da solo il Pd a combattere contro le destre”. Le prossime elezioni avranno portata nazionale. Zingaretti ribadisce che crede fermamente nel governo: ma ora è il momento di fare le cose, non c’è più tempo. E allora: piano per il lavoro, semplificazione dello Stato, investimenti verdi e digitalizzazione, scuola, ricerca, sanità. Infine il segretario traccia la strada che porterà il Pd al congresso. Che sarà sulle idee e non sui nomi.

Si parte il 22 febbraio con una assemblea nazionale (con l’elezione di una presidente donna), poi la direzione per scrivere il regolamento del congresso e l’avvio delle 10 mila assemblee, almeno una per ogni comune. Obiettivo: raccogliere proposte da tutta la società. L’appuntamento di piazza potrebbe partire da Firenze. A fine aprile l’assemblea conclusiva con tanto di manifesto per l’Italia. La città toscana è il capoluogo di una delle regioni che andrà al voto la prossima primavera. Ma è anche la città di riferimento di Renzi. Chissà che quella di Zingaretti non sia anche una provocazione.