Tutti gli uomini del Presidente. Pompeo a capo della Cia. Il generale Flynn favorito per la Sicurezza Nazionale. Le nomine di Trump fanno già discutere

dalla Redazione
Mondo

Il neo presidente degli Stati Uniti d’America, Donald Trump, ha svelato i primi nomi che andranno a comporre la sua squadra. Anche se l’attesa più grande è per la nomina del segretario di Stato per cui sembra essere favorito Mitt Romney, candidato del Grand Old Party sconfitto da Obama nel 2012. Romney dovrebbe incontrare Trump nel corso di questo fine settimana. Ma ora andiamo a vedere le prime scelte di quello che a gennaio diventerà il nuovo inquilino della Casa Bianca.

A capo della Cia ci sarà Mike Pompeo. Per lui 52 anni e una vita politica molto recente, essendo entrato nel Congresso sei anni fa. Esponente radicale del partito repubblicano. Ha sin da subito osteggiato l’accordo sul nucleare con l’Iran. Ha studiato nell’accademia militare di West Point e poi un master alla Harvard Law School. Poco meno di 24 ore fa ha twittato: “Non vedo l’ora di smantellare questo accordo disastroso con il più grande Stato sponsor del terrorismo del mondo”.

Jeff Sessions dovrebbe essere a capo della Giustizia. Si è schierato subito con Trump nelle primarie del partito repubblicano. Il suo nome sta già creando scompiglio con i democratici che sono pronti a tutto pur di fermare questa nomina. Alla fine, però, conteranno i numeri che non hanno. Ancor più preoccupazione c’è per la possibile nomina del generale dell’esercito, oggi in pensione, Michael Flynn, a cui potrebbero essere attribuiti i compiti per la politica estera come Consigliere per la Sicurezza Nazionale. Con Barack Obama han diretto la Dia (Defense Intelligence Agency, una delle agenzie di spionaggio degli Stati Uniti) dopo due anni è stato ‘licenziato’ dal presidente per le sue posizioni non in linea.