Tutti per uno e vitalizio per tutti. Coi tre moschettieri della Casellati. Atteso al Senato il verdetto sui 772 ricorsi contro i tagli. Nella Commissione siedono due amici di Nitto Palma

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Chi trova un amico, si sa, trova un tesoro. E chissà, magari pure il vitalizio perduto: nella fattispecie, l’intero assegno da 6.200 euro al mese che l’ex Guardasigilli, ex deputato, ex sottosegretario all’Interno ed ex senatore Nitto Francesco Palma (FI), si è visto tagliare di 800 euro. Troppi, secondo lui. E ingiusti. Da qui il ricorso alla Commissione contenziosa del Senato, competente in virtù dell’autodichia che governa le due Camere, per la restituzione del maltolto. Il 4 novembre la commissione esaminerà, insieme al suo, i ricorsi di altri 771 ex senatori. Ma Palma, rispetto ai colleghi, ha due motivi per essere tranquillo: Giacomo Caliendo e Cesare Martellino.

Amici suoi e membri della Commissione. Chi li ha nominati? In base al regolamento di Palazzo Madama, il presidente Maria Elisabetta Alberti Casellati. Di cui Palma è l’onnipresente (e ultrapotente) capo di gabinetto. Con tanti amici, appunto. L’amico più importante, in questo frangente, è Giacomo Caliendo, Fi, presidente della commissione. Ex magistrato ed ex membro del Csm, è stato anche fondatore di Unicost, la corrente di maggioranza nel Csm fino allo scoppio dello scandalo Lotti-Palamara (e Palma è un grande amico di Luca Palamara: gli ha fatto da testimone di nozze). A Palazzo Madama dal 2008, l’ottuagenario Caliendo è sempre stato in prima fila sui provvedimenti ad personam per Silvio Berlusconi, dal legittimo impedimento al salva-Previti. Così Palma.

E pure la Casellati. I tre moschettieri hanno fatto squadra anche a via Arenula nel 2011 – Nitto ministro alla Giustizia, gli altri sottosegretari – e poi ancora in commissione Giustizia al Senato nella XVI e XVII legislatura (qui Nitto era presidente). In commissione, peraltro, c’era anche il loro comune referente in Forza Italia: Nicolò Ghedini, stratega giudiziario di Berlusconi e vero sponsor di Palma come ministro. L’ex cognato di Palma, Filippo Dinacci, nel cui studio lavora anche il figlio di Palma, Antonio Ugo, è l’avvocato che ha dato il cambio a Ghedini nel processo Ruby-Ter. Tutta una famiglia.

AMICI MIEI. Cesare Martellino, ex procuratore capo a Terni, corrente Unicost come Caliendo, è il relatore sui ricorsi. E ha con Nitto Palma un’amicizia ancora più antica. Entrambi sostituti in quella procura di Roma nota, ai tempi di Andreotti, come “porto delle nebbie”, negli anni ‘80 i due sono stati insieme all’ufficio indagini della Federcalcio (poi Cesare, da membro della corte d’appello federale, è finito indagato in Calciopoli). A seguire, eccoli nel comitato organizzatore dei mondiali del ‘90 con Luca Montezemolo. Con la discesa in campo di Berlusconi, nel 1994, ecco per entrambi il grande salto. Palma è notoriamente un amico carissimo di Cesare Previti, l’ex senatore condannato per corruzione.

Nel primo governo Berlusconi, con Previti ministro della Difesa, Palma è assurto a vicecapo di gabinetto del Guardasigilli Alfredo Biondi (quello del decreto salva-ladri). E Martellino? Nel 2002, battendo il ben più titolato Giancarlo Caselli, ha avuto l’incarico di rappresentante italiano a Eurojust. In via Arenula era sottosegretaria Jole Santelli, pupilla di Previti e responsabile Giustizia di FI: inutili le proteste della minoranza Csm per il curriculum non ritenuto all’altezza, o la sua fama di magistrato dai molti casi insoluti (da via Poma all’Olgiata). Al suo ritorno dall’Aja, nel 2009, Palma era già sottosegretario all’Interno. Quanto a lui, ecco farsi avanti Gaetano Pecorella, avvocato di Berlusconi e presidente della commissione d’inchiesta sui rifiuti, per reclamarlo come consulente con la benedizione, stavolta, del Csm.

“Fuori ruolo” e doppio stipendio. Martellino è in pensione dal 2015 e in regola, dunque, coi requisiti previsti per la Commissione contenziosa, oggi così composta: un presidente molto legato a Nitto Palma, Caliendo; un ex magistrato molto amico, Martellino, come relatore; i senatori Elvira Evangelista, M5s, e Simone Pillon, Lega; e, per finire, l’avvocato Alessandro Mattoni, ex presidente dell’unione camere penali di Tivoli, di cui non sono noti i motivi della scelta. Al loro voto è appesa la sorte di tutti i vitalizi del Senato. Saranno pro o contro il ricorso di Palma e degli altri 771? Si accettano scommesse ma la più improbabile è che qualcuno decida di astenersi per palese conflitto d’interessi. Un amico è per sempre.

Dalla Giustizia a Palazzo Madama, ecco chi è l’uomo ombra di Maria Elisabetta

Classe 1950, ex magistrato di Cassazione convertito al berlusconismo d’attacco – ma oggi in rotta con Forza Italia per la mancata rielezione nel 2018 – Francesco Nitto Palma ha alle spalle ben quattro legislature all’attivo in Parlamento, una alla Camera e tre al Senato. Eletto deputato per la prima volta nel 2001 con Fi nel collegio di Oderzo, circoscrizione Veneto II (feudo, per intenderci, di Niccolò Ghedini e Maria Elisabetta Alberti Casellati), nel 2002 ha proposto il ritorno dell’immunità totale per i parlamentari. “L’unica soluzione è sospendere i processi per Berlusconi (ça va sans dire, ndr) – dichiarò nel 2013 -. Sono per l’immunità sul modello spagnolo, e la sospensione è già stata approvata dalla commissione giustizia del Parlamento europeo.

Non vedo perché l’Italia non dovrebbe adeguarsi”. La norma serviva pure a Cesare Previti, all’epoca sotto processo a Milano per corruzione. Costretto a ritirare l’emendamento, Palma si è poi battuto strenuamente per la “salva-Previti”. Sottosegretario all’Interno da maggio 2008 a luglio 2011, è stato Guardasigilli da luglio a novembre 2011. Memorabile il suo esordio: l’annuncio, pochi giorni dopo la nomina, della partenza per un mese di vacanza in Polinesia. Viaggio poi annullato, causa polemiche.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Il suicidio del servizio pubblico

La difesa strettamente burocratica, da perfetto travet, fatta dal direttore di Rai3 Franco Di Mare in Commissione di vigilanza (leggi l’articolo) per scrollarsi di dosso l’accusa di censura sul concertone del Primo Maggio, spiega più di un’intera enciclopedia perché il Servizio pubblico in Italia è

Continua »
TV E MEDIA