Ultimatum del Governo ad Atlantia. Cancelleri: “Se entro venerdì non cede Autostrade a Cassa Depositi e Prestiti gli revochiamo la concessione”

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

“Se entro venerdì Atlantia non cede Autostrade a Cassa Depositi e Prestiti gli revochiamo la concessione. Loro non vogliono sottoscrivere la manleva: loro sono indagati dalla magistratura per il crollo del Ponte Morandi, hanno delle responsabilità amministrative e penali. La manleva è quell’atto con cui si solleva quella responsabilità al nuovo acquirente”. E’ quanto ha detto a Un Giorno da Pecora il vice ministro M5S delle Infrastrutture, Giancarlo Cancelleri.

“Loro vorrebbero vendere non solo le quote societarie – ha aggiunto l’esponente dell’Esecutivo -, ma anche la responsabilità. Invece devono vendere le quote societarie, ma la responsabilità se la tengono loro. Le 43 vittime le hanno causate loro e lo appurerà la magistratura. Entro venerdì si scioglie questo nodo, il presidente Conte è stato perentorio”.

“Non è serio quello che hanno fatto – ha concluso Cancelleri -, loro hanno sottoscritto un accordo il 14 luglio nel quale c’era anche la manleva delle responsabilità civili e amministrative, ora non stanno mantenendo questo accordo. Si stanno tirando indietro perché speravano che le regionali facessero cadere il governo ma questo, mi dispiace per loro, non è accaduto. Quindi devono sottoscrivere quell’accordo altrimenti ci sarà la revoca”.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Per la sinistra dei Tafazzi non c’è cura

Inutile nascondersi dietro alibi o rimpianti: il vaccino per il Covid l’hanno trovato ma per l’autolesionismo della Sinistra non c’è cura. A destra, dove Salvini e Meloni non si parlano e Forza Italia ormai ha poco da dire, come al solito si presenteranno con candidati

Continua »
TV E MEDIA