Ultimo lascia l’Arma. Il Carabiniere che catturò Riina annuncia l’addio dopo 42 anni. Ora è assessore all’Ambiente in Calabria

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

“Da carabiniere dopo 42 anni di Servizio pensavo chissà cosa dirò quando lascerò l’Arma dei Carabinieri. Poi ti ci trovi e non dici niente. Sì, in fondo ho parlato già”. E’ quanto scrive in un Tweet il colonnello Sergio De Caprio, l’ufficiale dell’Arma, noto come Capitano Ultimo, che nel 1993 arrestò il boss di Cosa Nostra, Totò Riina, congedandosi dall’Arma.

Non è ancora un addio formale, perché De Caprio, riferisce l’Ansa, è ora in aspettativa, dopo essere stato nominato assessore all’Ambiente alla Regione Calabria, ma tra un anno dovrà comunque lasciare l’uniforme per raggiunti limiti d’età. De Caprio, classe 1961, nella sua turbolenta carriera è passato dal Ros, al Noe, ai Servizi segreti per approdare, come ultimo incarico, al Comando per la tutela della biodiversità e dei parchi dei Carabinieri forestali.  Il tweet in cui annuncia l’addio alla divisa è accompagnato, come sempre, da una sua foto con il volto coperto.

 

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Adesso basta errori sul virus

Cantano vittoria come se avessero ottenuto chissà cosa, ma l’Italia che comincia a riaprire dal 26 aprile non è un successo delle destre. Con le solite balle a uso elettorale, Salvini & company da ieri stanno ingolfando i social per intestarsi il ritorno alla normalità

Continua »
TV E MEDIA