Un rogo di rifiuti ogni tre giorni. Costa: “E’ un’emergenza nazionale”. Saranno impiegati satelliti e droni. Un errore sopprimere la Forestale

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

I roghi di rifiuti in Italia sono una piaga. Sono aumentati e sono un’emergenza nazionale secondo il ministro dell’ambiente Sergio Costa, che ieri davanti alla commissione parlamentare ecomafie ha precisato come nell’ultimo anno sia stato registrato addirittura un incendio ogni tre giorni: 262 roghi da giugno, 165 dei quali in aree per la gestione dei rifiuti. Costa ha quindi assicurato che sta lavorando a un sistema di prevenzione da far coordinare ai prefetti, rafforzando i controlli e prevedendo anche l’uso di satelliti e droni per la vigilanza. Un piano condiviso anche dal procuratore nazionale antimafia Federico Cafiero De Raho, anche lui ascoltato in Commissione. E sia il ministro che il procuratore hanno bollato come un errore la soppressione del Corpo Forestale dello Stato.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Adesso basta errori sul virus

Cantano vittoria come se avessero ottenuto chissà cosa, ma l’Italia che comincia a riaprire dal 26 aprile non è un successo delle destre. Con le solite balle a uso elettorale, Salvini & company da ieri stanno ingolfando i social per intestarsi il ritorno alla normalità

Continua »
TV E MEDIA