Una canna per la ricostruzione. Arriva la proposta per dare alle zone terremotate i soldi della legalizzazione cannabis

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Una pioggia di risorse alle zone devastate dal terremoto grazie alla vendita di cannabis legale. È la proposta messa in campo da Daniele Farina, deputato di Sinistra Italiana (Si) e relatore della legge sulla legalizzazione della Cannabis, per sostenere le popolazioni del centro Italia. L’aiuto potrebbe essere davvero sostanzioso, trattandosi di almeno 6 miliardi all’anno.

“La commissione Bilancio di Montecitorio ha dichiarato ammissibili due emendamenti di Sinistra Italiana che riprendono parte del progetto di legge sulla legalizzazione della Cannabis e destinano le risorse ottenute, già dal prossimo anno, al fondo per gli eventi sismici e a quello contro la povertà”, ha spiegato il parlamentare di Si. “Parliamo, in Italia, di un flusso stimato tra i sei e gli otto miliardi di euro all’anno per la sola cannabis. Questi due emendamenti sono modo molto chiaro di dare risposte concrete e continuare la discussione sulla legalizzazione della cannabis”, ha aggiunto Farina.