Una maratona in acqua per sostenere bimbi e ragazzi autistici. La manifestazione punta a migliorare l’integrazione sociale delle persone diversamente abili

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Una maratona in acqua di 30 ore consecutive per accorciare le distanze con l’autismo. Con l’iniziativa“Ab-bracciata Collettiva”, la Terapia Multisistemica in Acqua (TMA) – metodo Caputo-Ippolitoorganizza per il 2 e 3 aprile una manifestazione benefica in occasione della “Giornata mondiale per la consapevolezza dell’autismo”, invitando tutti a tuffarsi in acqua insieme ai ragazzi affetti dal disturbo e a nuotare in corsia per almeno 15 minuti. Si inizia alle 10:00 di sabato 2 aprile e, bracciata dopo bracciata, si va avanti fino alle ore 16:00 di domenica 3. La manifestazione si svolge contemporaneamente a Roma, Milano, Firenze, Napoli, Foggia, presso i centri sportivi che lavorano in partnership con TMA. La manifestazione nasce con lo scopo di migliorare l’integrazione sociale delle persone diversamente abili e in particolare promuovere la tutela dei diritti dei bambini e ragazzi con autismo e disturbi mentali e della relazione», spiegano gli organizzatori della due giorni.

I partecipanti possono sostenere l’iniziativa con un contributo di €10 sapendo che il ricavato andrà interamente a sostegno delle attività che i ragazzi svolgono durante l’anno. Chi decide di aderire può scegliere di limitarsi al contributo economico o anche partecipare attivamente alle due giornate nuotando, galleggiando, stando in corsia con alcuni dei ragazzi speciali che seguono i programmi della TMA.

Marco Sabatini, papà di Matteo: «Per chi vorrà partecipare sarà un’occasione originale per conoscere ed entrare in contatto con le persone autistiche. Per chi vive con loro, e per loro, sarà una giornata come un’altra, per chi vorrà condividere questa sfida sarà invece un momento per riflettere su una malattia di cui ancora non si conosce la causa e di cui ancora vi è quasi totale disinteresse».

B., mamma di Marco e Fabio, promuove così l’idea: «Un bellissimo evento, che finalmente realizza veramente l’integrazione. A noi familiari fa piacere partecipare a una manifestazione dove non si parla di autismo ma lo si vive, dando la possibilità a tutti di essere parte attiva e non semplice spettatore».

Secondo R., genitore di Lorenzo, «a differenza di altre iniziative dove ci si limita a sentir parlare qualcuno, questa volta ai familiari è data la possibilità di impegnarsi direttamente. Questa maratona è un evento tangibile, pratico e vicino, e soprattutto per me è un motivo di grande soddisfazione essere presente a un’occasione in cui i bambini, nonostante la diversità, si troveranno a contatto con tutti coloro che parteciperanno alla manifestazione».

L’appuntamento a Roma, con il patrocinio gratuito del XV Municipio, è al CassiAntica Sporting Fitness in via Taormina 5, mentre a Milano al Enjoy sport center via Michelangelo Buonarroti 44, Cernusco sul Naviglio. Si nuota anche all’Hidron di Firenze, al Centro sportivo Portici – gruppo Cesaro vicino Napoli e a Foggia al centro sportivo Mirage Village.