Usa e getta con gli immigrati. La foto che ha sconvolto gli Stati Uniti e il mondo intero: i corpi di padre e figlia trovati nel Rio Grande mentre cercavano di attraversare il confine

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Una foto che ha sconvolto le coscienze degli Stati Uniti e di tutto il mondo. E che inevitabilmente avrà ripercussioni politiche. Padre e figlia sono annegati nel Rio Grande mentre cercavano di attraversare il confine tra Messico e Stati Uniti: sono stati trovati a faccia in giù nell’acqua sporca di fango, con le braccia della piccola di due anni ancora strette al collo del papà. La fotografia dei corpi senza vita è stata scattata da Julia Le Duc, reporter di Journada e sta facendo il giro del mondo diventando l’ennesimo simbolo delle vittime migranti che muoiono cercando di lasciare il proprio Paese. Lo scatto ricorda quello di Aylan Kurdi, il bambino di tre anni trovato morto sulle coste della Turchia nel 2015. I cadaveri sono stati riconosciuti: si tratta di un cittadino salvadoregno, Oscar Alberto Martinez, di 25 anni, e sua figlia Angie Valeria. I due corpi, immersi nell’acqua di un canneto, sono stati trovati sulla sponda sud del fiume. Si vede la bimba ancora con le scarpe, legata al padre da quella che sembra essere una maglietta con il quale l’uomo forse cercava di tenere la piccola stretta a sé nel tentativo di proteggerla. La morte sarebbe avvenuta domenica 24 giugno e i due corpi sono stati ritrovati lunedì 25. Saranno rimpatriati nei prossimi giorni. Il ministro degli affari esteri di El Salvador ha intanto invitato le famiglie che tentano di migrare negli Usa di ripensarci: “Non rischiate”.

Poche ore dopo sono stati trovati altri quattro cadaveri vicino al Rio Grande e proprio nella zona dove è in costruzione una sezione del muro voluto dal presidente Donald Trump: si tratta di una giovane donna, due bambini e un neonato.

Nessun commento è arrivato dalla Casa Bianca. Intanto, il massimo responsabile dell’agenzia federale che gestisce i campi al confine del Messico dove vengono trattenuti i bambini separati dalle famiglie illegali è costretto a dichiarare le dimissioni. Nell’ultimo anno 6 bambini hanno perso la vita.