Vaccini in farmacia nel Lazio dal primo giugno: come fare la prenotazione e quale siero verrà somministrato

ema vaccino johnson & johnson trombosi
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Nel Lazio le somministrazioni per i vaccini in farmacia inizieranno il 1 giugno. Si accede alla farmacia prescelta con le prenotazioni sul portale della Regione Lazio che saranno aperte dal 24 maggio. Nelle farmacie verrà somministrato il Johnson & Johnson.

Vaccini in farmacia nel Lazio dal primo giugno: come fare la prenotazione

Il prossimo fine settimana, il 22 e 23 maggio, ci sarà invece nel Lazio la seconda edizione Open day over 40 Astrazeneca. Si accede solo con ticket virtuale sulla App Ufirst presso 30 hub vaccinali in tutto il Lazio. Ed è fitto il calendario delle prenotazioni per i vaccini nel Lazio nella seconda metà di maggio. Da venerdì 21 maggio il Lazio apre alle classi di età 47-44 anni. Dal 24 maggio ci si potrà prenotare per i vaccini Johnson & Johnson in farmacia. Dal 25 si apriranno le prenotazioni al personale Aire, ovvero i cittadini italiani residenti all’estero, naviganti e ambasciate. Dal 26 maggio si apre alle fasce d’età 43-40 anni. Dal 27 maggio i maturandi potranno prenotarsi per le giornate di somministrazione delle dosi Pfizer dell’1, 2, 3 giugno.

Le modalità di prenotazione dei maturandi saranno le stesse utilizzate per le prenotazioni del personale docente e non docente. Per prenotarsi serve il codice fiscale e la tessera sanitaria. E intanto la Asl Roma 2 ha comunicato che, dopo puntuali verifiche effettuate, da domani l’attività vaccinale presso la Casa di cura Annunziatella di Roma è sospesa”. Lo comunica in una nota l’Unità di crisi Covid della Regione Lazio. “Tutti gli utenti già prenotati che rientrano nelle categorie del piano vaccinale saranno, a cura della Asl Roma 2, dirottati su altri siti.

Secondo quanto riportato da ‘La Repubblica’ nelle pagine di cronaca cittadina, la clinica fino a metà maggio avrebbe somministrato vaccini anti-Covid anche a chi si presentava senza prenotazione e senza rientrare nelle fasce d’età indicate dal piano vaccinale regionale.

Leggi anche: 19 maggio: il bollettino sul coronavirus in Italia oggi