Venti di guerra. Putin contro la Turchia: “Hanno abbattuto il nostro jet per proteggere i traffici di petrolio con l’Isis”

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Si fa sempre più freddo il rapporto tra Russia e Turchia. Nessuno incontro è previsto tra il presidente russo, Vladimir Putin, e quello turco Tayyip Recep Erdogan, come ha fatto sapere il portavoce del Cremlino, smentendo così chi sperava in un dialogo a margine della Conferenza del clima. Ma c’è di più, visto che Putin è passato all’attacco. “La Russia ha motivo di sospettare che il Su-24 sia stato abbattuto per assicurare forniture illegali di petrolio dall’Isis alla Turchia”. Le dichiarazioni di fuoco del presidente russo sono state riportate dall’agenzia di stampa russa Tass.

A margine della Conferenza sul clima, però, c’è stato spazio per un incontro tra Putin e Obama. E la linea comune tracciata è chiara: “Assad deve lasciare il potere”. Obama e Putin hanno messo in evidenza l’importanza di fare progressi nel “processo di Vienna” per arrivare a “un cessate il fuoco” e a “una soluzione politica alla guerra civile in Siria”.