Via libera del Consiglio dei ministri al Family act. Nel ddl le deleghe per l’adozione dell’assegno universale e l’introduzione di misure a sostegno della famiglia

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

“Il #FamilyAct presentato dalla ministra Elena Bonetti alla #Leopolda10 è stato appena approvato dal Consiglio dei Ministri. Molto bene. Soldi e diritti per Figli e Famiglie”. E’ quanto ha annunciato il leader di Italia Viva, Matteo Renzi, in un post su Facebook. Il testo del provvedimento, composto da 8 articoli, contiene l’assegno unico familiare e altri provvedimenti per sostenere la genitorialità, la funzione sociale ed educativa delle famiglie, contrastare la denatalità, valorizzare la crescita armoniosa dei bambini e investire sul protagonismo giovanile.

Il ddl proposto dalla ministra per le Pari Opportunità e la Famiglia, Elena Bonetti (nella foto), prevede, inoltre, anche azioni per favorire la conciliazione della vita familiare con il lavoro, in particolare quello femminile. Nel primo articolo sono previsti i principi ed i criteri direttivi cardine di tutta la riforma che sarà attuata con i decreti delegati.

Le deleghe per specifici ambiti di competenza sono previste agli articoli 2, 3, 4 e 5 e 6. Nell’articolo 7 è disciplinata una procedura identica per l’adozione di tutti i decreti legislativi previsti nella delega, eccetto che per la delega contenuta all’articolo 3, concernente il riordino delle misure di sostegno all’educazione dei figli, per la quale è prevista l’intesa della Conferenza unificata, ai sensi dell’articolo 3, del decreto legislativo 28 agosto 1997, n. 281. Per tutti i decreti, invece, è prevista la trasmissione alle competenti Commissioni parlamentari per i profili di competenza.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Bongiorno conflitti d’interesse

Fosse per certi leghisti dovrebbe dimettersi pure Papa Francesco. Quindi che c’è da meravigliarsi se ieri si sono svegliati con la pretesa di cacciare dal governo la sottosegretaria Macina, coriacea esponente dei 5 Stelle passata per le armi senza bisogno di processo per lesa maestà

Continua »
TV E MEDIA