Voto bis col Rosatellum, il 40% non fa governare. Per YouTrend servono almeno due punti in più per avere la maggioranza

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

“Possiamo raggiungere il 40% e governare da soli”. Due giorni fa, mentre in un video su Facebook chiedeva il ritorno a elezioni già il prossimo 8 luglio, il capo politico del M5s, Luigi Di Maio, si è detto sicuro di poter raggiungere la soglia indicata da più parti come sufficiente per avere la maggioranza in Parlamento. Ma nonostante siano passati appena due mesi dal 4 marzo, rivotando col Rosatellum quella percentuale potrebbe non bastare più. Proprio così. A dirlo è uno studio realizzato da YouTrend, secondo il quale “la nuova distribuzione del voto” emersa 60 giorni fa “ha complicato quella prospettiva”. In particolare, per l’istituto, “al Sud l’affermazione del Movimento 5 Stelle in molte aree è andata addirittura oltre il 50%, con un divario rispetto ai secondi (il centrodestra) quantificabile talvolta in decine di punti percentuali. Questo è un fattore da non sottovalutare perché vuol dire che per invertire la tendenza in molti collegi meridionali servirebbe uno spostamento di voti notevole”.

Stando alla simulazione di YouTrend, basata sull’ipotesi che i voti si spostino da una coalizione all’altra solo all’interno delle tre aree principali, che i seggi assegnati nella circoscrizione Estero rimangano invariati e che si aggiunga un punto percentuale al centrodestra togliendo a centrosinistra e M5s una quota di voti in proporzione a quelli ottenuti alle Politiche, per avere il controllo sia alla Camera sia al Senato, il Centrodestra – la coalizione classificatasi prima il 4 marzo tanto da rivendicare un mandato per formare un Governo – “dovrebbe arrivare al 42%”. Tagliando questo traguardo, Lega-FI-FdI potrebbero contare “su 327 deputati (ne servono almeno 316, ndr) e formare un governo autonomamente”. I Cinque Stelle invece avrebbero “189 deputati (perdendo 38 seggi) e il centrosinistra 98 (-24). Non solo. Ripetendo lo stesso procedimento proprio coi pentastellati, che alle urne hanno raccolto il 32,7%, si scopre che “aumentando progressivamente il loro risultato di un punto percentuale alla volta, e diminuendo proporzionalmente le percentuali di centrodestra e centrosinistra”, a Di Maio & C. basterebbe “il 41% per poter contare su 317 deputati”. Certo, così il M5s potrebbe contare su una maggioranza risicatissima. Ma il centrodestra si fermerebbe a 201 seggi (-64) e il centrosinistra a 96 (-26).