Xi Jinping incontra Mattarella. Il 2020 sarà l’anno della cultura e del turismo tra Italia e Cina. Il presidente cinese: “Siamo partner strategici per la pace e lo sviluppo”

dalla Redazione
Mondo

Il presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, ha ricevuto questa mattina al Quirinale il presidente della Repubblica Popolare Cinese, Xi Jinping, da ieri in visita di Stato in Italia in occasione della firma del memorandum sulla Nuova Via della Seta. All’incontro era presente il ministro degli Affari Esteri, Enzo Moavero Milanesi. Dopo i colloqui, i due capi di Stato hanno rilasciato dichiarazioni alla stampa nella Sala degli Specchi. Al termine Mattarella e Xi Jinping hanno incontrato i rappresentanti dei Fora Italia-Cina nella sala di Augusto.

“L’antica Via della Seta fu uno strumento di conoscenza tra popoli, condivisione e scoperte reciproche. La nuova Via della Seta deve essere una strada a doppio senso e devono transitare oltre le merci anche le idee, i talenti e soluzioni lungimiranti”. Ha detto il presidente Mattarella. “La firma del memorandum di intesa di collaborazione – ha aggiunto il capo dello Stato – è un segno dell’attenzione da parte del governo italiano, una cornice ideale per un incremento delle collaborazioni congiunte tra imprese italiane e cinesi”.

La visita di Xi Jinping in Italia, ha sottolineato il presidente della Repubblica, “è anche l’occasione per registrare il livello eccellente dei rapporti tra Cina e Italia e il loro sviluppo ulteriore, si tratta di rapporti che dobbiamo rafforzare”. “Alla luce del mandato italiano nel consiglio dei diritti umani delle Nazioni Unite – ha aggiunto Mattarella -, desidero auspicare che in occasione della sessione del dialogo Ue-Cina sui diritti umani che si svolgerà a Bruxelles, dopo quella che si è svolta a Pechino, si possa proseguire nel confronto costruttivo su temi così rilevanti. Il 2020 sarà l’anno culturale e del turismo tra Italia e Cina, a conferma dell’interesse che i due popoli nutrono uno per l’altro”.

Con il presidente della Mattarella, ha detto incontrando la stampa il presidente cinese, c’è stato un “incontro fruttuoso, con un ampio consenso”. “Cina e Italia – ha aggiunto Xi – sono partner strategici con mutuo rispetto e fiducia. Fra di noi non c’è nessun conflitto di interesse e sappiamo entrambi come rispettare le preoccupazioni della controparte. Guardando il mondo ci ritroviamo avanti un cambiamento epocale, la Cina e l’Italia sono due importanti forze nel mondo per salvaguardare la pace e promuovere lo sviluppo. La Cina vuole lavorare con l’Italia per rilanciare lo spirito di equità, mutuo rispetto e giustizia. La parte cinese – ha concluso il presidente – vuole uno scambio commerciale a due sensi e un flusso degli investimenti a due sensi”.

Xi Jinping, lasciato il Colle, si è recato all’Altare della Patria. Il presidente cinese oggi incontrerà a Roma anche i presidenti di Camera e Senato, Roberto Fico e Maria Elisabetta Alberti Casellati. Mentre domani, prima della partenza per Palermo, firmerà con il premier Giuseppe Conte, a Villa Madama, il memorandum Italia-Cina sulla nuova via della Seta.