Zelensky licenzia il procuratore generale e il capo dell’intelligence

Il presidente ucraino Zelensky ha annunciato ieri sera il licenziamento del procuratore generale Venediktova e del capo dello Sbu Bakanov.

Il presidente ucraino Volodymyr Zelensky ha annunciato ieri sera il licenziamento del procuratore generale Iryna Venediktova e del capo dell’intelligence, Ivan Bakanov, a causa dei molteplici sospetti di tradimento da parte di alcuni loro subordinati a beneficio dei russi.

VISITA DI MICHEL IN UCRAINA

Il presidente ucraino Volodymyr Zelensky ha annunciato ieri sera il licenziamento del procuratore generale Venediktova e del capo dello Sbu Bakanov

Le autorità di Kiev indagano su oltre 650 casi di sospetto tradimento da parte di funzionari locali, anche nelle aree occupate da forze russe e filo-russe. “Un numero così elevato di crimini contro le basi della sicurezza nazionale e i legami stabiliti tra le forze dell’ordine ucraine e i servizi speciali russi sollevano questioni molto serie per i leader interessati”, ha spiegato Zelensky. “Ognuna di queste domande avrà una risposta”, ha aggiunto il presidente ucraino.

Il procuratore generale Iryna Venediktova aveva condotto l’indagine sulle presunte atrocità commesse all’inizio dell’invasione delle forze russe nella città di Bucha, un sobborgo a nord-ovest di Kiev, che agli occhi dell’Occidente è diventata simbolo dei “crimini di guerra” in Ucraina.

L’ex capo del dipartimento principale della sicurezza (Sbu) Ivan Bakanov è stato arrestato in Crimea dal’Ufficio investigativo statale. “Questa persona è stata licenziata da me all’inizio dell’invasione su vasta scala – ha spiegato ancora Zelensky – e, come si può vedere, tale decisione era assolutamente giustificata”.

“Sono state raccolte prove sufficienti per la notifica – ha dichiarato il presidente ucraino -, a questa persona, di sospetto tradimento. Tutte le sue azioni criminali sono documentate. Tutto ciò che ha fatto in questi mesi e anche prima riceverà un’adeguata valutazione legale”. Il presidente ucraino

ha aggiunto che “saranno ritenuti responsabili anche tutti coloro che assieme a lui facevano parte di un gruppo criminale che ha lavorato nell’interesse della Federazione russa”. Il riferimento è al passaggio di informazioni segrete al nemico e ad altre forme di collaborazione coi servizi speciali russi.

“Sono state prese decisioni sul personale nei confronti dei capi regionali del settore della sicurezza Kherson, Kharkiv. Abbiamo anche trattato la locale leadership del potere esecutivo”, ha affermato il Zelensky, anticipando che saranno valutate le azioni specifiche e l’eventuale inerzia di ciascun funzionario nel campo della sicurezza e delle forze dell’ordine.

Kiev ha aperto 651 procedimenti per tradimento e collaborazionismo

Nel video il presidente ucraino segnala che a oggi sono stati avviati 651 procedimenti criminali per tradimento e collaborazionismo. “In particolare, oltre 60 impiegati dell’ufficio del procuratore e del servizio di sicurezza ucraino (Sbu, ndr)”, ha precisato Zelensky, “sono rimasti nel territorio occupato e stanno lavorando contro il nostro Stato”.

Pubblicato il - Aggiornato il alle 08:07
Seguici su Facebook, Instagram e Telegram