La regina del pop compie 60 anni. Il 16 agosto grande festa per Madonna a Marrakech, in Marocco. Un’icona sempre sulla cresta dell’onda

dalla Redazione
Argomenti

“Quando ero piccola pensavo che il mondo fosse mio. Ero convinta di poter fare tutto cio’ che volevo, qualsiasi cosa fosse”. Probabilmente non e’ riuscita a fare tutto quello che si era stabilita di fare, ma almeno una, quella di diventare una star, una ballerina di successo, ebbene si’, in questo caso non ha tradito le sue aspettative, i suoi sogni, le sue ambizioni. Anzi. Madonna ha fatto di piu’. E’ diventata un’icona, ha anticipato mode e tendenze, ha influenzato culture di massa, trasformandosi in un simbolo per interi decenni e per generazioni di tutto il mondo.

Personaggio cult dagli anni ’80 ad oggi; star tout court, influencer negli anni in cui questo termine (imposto dalla nuova grammatica del web) nemmeno esisteva. Madonna Louise Veronica Ciccone il prossimo 16 agosto compira’ 60 anni: regina assoluta del pop mondiale, pare che per lei sia pronta una festa a Marrakech, in Marocco. Sessanta candeline da spegnere, una carriera e una vita sulle quali tirare un bilancio. Di origini abruzzesi, nata a Bay City nel Michigan, terza di sei fratelli, racconto’ molti anni dopo di avere avvertito la sensazione di essere diventata adulta quel terribile giorno in cui la madre, appena 30enne, mori’ uccisa da un tumore al seno. “Credo che questo episodio mi abbia fatto crescere piu’ velocemente”. Ai tempi del liceo, da reginetta del gruppo delle cheerleader, si innamora follemente della danza. Ed e’ proprio l’amore per il ballo che la spinge ad abbandonare l’universita’ e a staccare un biglietto per New York. Un biglietto, si rivelera’ dopo, per il successo. Con 35 dollari nelle tasche ed una dose extralarge di coraggio e ambizione, Madonna cerca con fatica di farsi notare. Studia dal coreografo Alvin Alley ma per sbarcare il lunario posa per studenti di pittura e fotografia, diventa la batterista di una band meteora come i Breakfast Club e recita in thriller erotico di discutibile qualita’. Vive nei bassifondi della Grande mela e subisce pure una violenza sessuale. Il successo pero’ e’ dietro l’angolo, e arriva con la dance. Un paio di singoli, come Everybody e Holiday la fanno diventare una star delle radio newyorkesi. Il suo primo album, dal titolo autobiografico, spinto anche dall’influenza della neonata Mtv, conquista cinque dischi di platino. Di li’ a poco sara’ un crescendo di successi internazionali: Like a Virgin, Material Girl, Angel, La Isla Bonita, Papa Don’t Preach. Quest’ultimo pero’ provochera’ le ire dei gruppi pro- aborto per via del testo a difesa della vita. Gli anni ’90 saranno gli anni della Madonna sexy, dell’album Erotica, del successo planetario del musical dedicato ad una vera e propria eroina della politica argentina quale Evita Peron.

Con l’arrivo del nuovo millennio la produzione di Madonna torna sulla dance, stavolta virando verso l’elettronica. L’album “Confessions on a Dance Floor” vende piu’ di 6 milioni di copie, imponendosi al vertice delle classifiche di ben 39 Paesi del mondo. Nel frattempo la sua carriera piu’ volte fara’ delle incursioni nel cinema. Una ventina i film in cui recita: da “Cercasi Susan disperatamente” a “Ragazze vincenti” fino all’infelice “Travolti dal destino”, mediocre remake della pellicola della Wertmüller. Accanto alla Madonna artista si dipana la storia di una donna che ha amato intensamente; ed ha amato dei geni, a volte problematici. Le cronache rosa raccontano di un breve flirt con Prince. Nel 1985 sposa Sean Penn salvo denunciarlo tre anni dopo per violenza. Dopo il divorzio inizia una relazione con Warren Beatty e poi con il campione di basket Dennis Rodman. Intanto dalla relazione con il suo personal trainer, Carlos Leon, nasce la sua prima figlia Lourdes Maria. Nel 1998 si lega sentimentalmente al regista Guy Ritchie dal quale si divorzia dieci anni dopo. Madonna e’ una donna di forti passioni: coraggiosa, determinata e potentissima. La cheerleader di Bay City nel Michigan e’ cresciuta, e’ diventata un’icona, un personaggio che ha anticipato mode e stili. Un simbolo vivente: ancora oggi a sessant’anni. Sessanta e non sentirli.
(ITALPRESS).

Loading...