A Nuova Delhi tira un’ariaccia

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

dalla Redazione

La qualità dell’aria a New Delhi è peggiore di quella di Pechino, normalmente indicata come maglia nere dell’inquinamento atmosferico. Lo afferma il Times of India aggiungendo che le autorità di New Delhi appaiono più insensibili al problema di quelle della capitale cinese. New Delhi e Pechino sono spesso paragonate, essendo le due principali megalopoli asiatiche in caotico sviluppo. A New Delhi il livello di Pm10 (particolato da 10 micrometri o meno) disperso nell’aria nei mesi scorsi e’ stato in media di 400 microgrammi per metro cubo, 4 volte più del livello consentito dalla legge indiana e 20 volte piu’ di quello consigliato dalla World Health Organization (Oms). A Pechino la media annuale nel 2013 e’ stata di 100 microgrammi Ciò provoca un aumento di malattie tipiche dell’inquinamento, come quelle che colpiscono i polmoni e le coronarie. “Sembra incredibile che sia tra gli amministratori pubblici sia tra la gente ci sia cosi’ scarsa preoccupazione per tale questione”, ha detto al giornale Srinath Reddy, direttore della Fondazione
indiana per la salute. Nei giorni scorsi si e’ riunita per la prima volta un’apposita commissione istituita dal ministero della salute. Ha un anno di
tempo per raccomandare soluzioni. Intanto manca ancora a New Delhi un sistema di allerta nel caso in cui lo smog diventi intollerabile.