A Salvini non va giù l’intervento di Napolitano. E gli dà del traditore della Patria da processare

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Un attacco pesantissimo, che ha costretto addirittura i renziani del Pd a prendere le difese di Giorgio Napolitano, dopo l’appello a evitare il voto. Matteo Salvini è andato giù durissimo, invocando il processo per tradimento del presidente emerito. “Nei Paesi civili alle elezioni si va a scadenza naturale e a noi manca ancora un anno afferma oggi Giorgio Napolitano. Nei paesi civili chi tradisce il proprio popolo viene processato, non viene mantenuto a vita come parlamentare, presidente e senatore”, ha scritto su Facebook il leader della Lega.

Il vicesegretario del Pd, Lorenzo Guerini, ha parlato a nome del partito: “Sono inaccettabili e offensive le parole di Salvini contro il presidente Napolitano”. Il senatore dem, Vannino Chiti, ha annotato: “Le ingiurie contro il Presidente Napolitano sono ricorrenti e gratuite, ma non per questo si può far finta di niente”.

Il senatore a vita è stato difeso anche da Area popolare. “Quello che dice Salvini su Napolitano è rivoltante. E dovrebbe far riflettere chi addirittura fa con lui intese istituzionali e parlamentari”, ha detto il deputato Fabrizio Cicchitto. Il capogruppo alla Camera di Ap, Maurizio Lupi, ha accusato il leader della Lega di essere un “arruffapopolo”.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Quell’asse Draghi-Renzi sui Servizi

A volte guarda che strane le coincidenze! Il direttore del Dis (il coordinamento dei Servizi segreti) Gennaro Vecchione informa il Copasir, cioè il Parlamento, che lo 007 Marco Mancini ha incontrato Matteo Renzi nell’autogrill di Fiano Romano senza informare i superiori, e 48 ore dopo

Continua »
TV E MEDIA