Abiti usati raccolti e utilizzati per fini commerciali. L’Antitrust bastona l’Ama: multa da 100mila euro

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Gli abiti usati raccolti nei contenitori gialli? Finiscono un po’ dappertutto, fuorchè in beneficienza. Almeno a Roma. Per questo l’Antitrust ha inflitto all’Ama, la società che si occupa della raccolta dei rifiuti nella capitale, una multa di 100 mila euro per “pratiche commerciali scorrette” relativamente alle informazioni sui cassonetti e gialli per la raccolta di indumenti. Secondo l’Autorità infatti le informazioni date ai consumatori sui cassonetti e facevano pensare alla beneficienza mentre, dall’inchiesta della Procura, è emerso un uso commerciale. In particolare che i consorzi hanno apposto sui cassonetti diciture ingannevoli quali “i materiali in buono stato saranno recuperati come indumenti”, “aiutaci ad aiutare”, idonei – secondo l’Autorità – ad alterare il comportamento economico del consumatore.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Quell’asse Draghi-Renzi sui Servizi

A volte guarda che strane le coincidenze! Il direttore del Dis (il coordinamento dei Servizi segreti) Gennaro Vecchione informa il Copasir, cioè il Parlamento, che lo 007 Marco Mancini ha incontrato Matteo Renzi nell’autogrill di Fiano Romano senza informare i superiori, e 48 ore dopo

Continua »
TV E MEDIA