Addio ad Azeglio Vicini. Il ct delle notti magiche di Italia ’90 è morto a 84 anni

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Addio all’ex commissario tecnico della nazionale Azeglio Vicini. L’allenatore di Italia ’90 era malato da tempo ed è morto ieri sera nella sua casa di Brescia. Il prossimo 20 marzo avrebbe compiuto 85 anni.

Il romagnolo Vicini prese il posto sulla panchina azzurra di Enzo Bearzot. Eredità tutt’altro che facile da raccogliere. Correva l’anno 1986, al termine dei mondiali in Messico, quando Vicini fu promosso dall’under 21 alla nazionale maggiore. Con Vicini gli azzurri fecero due belle figure, prima Europei del 1988 e poi ai Mondiali del 1990, senza però vincere.

Una grande nazionale quella delle notti magiche la cui corsa si fermò ai calci di rigore contro l’Argentina di Maradona. Partita che si giocò al San Paolo, scelta mai digerita da Vicini, visto che parte dello stadio tifava per il beniamino di casa argentino Maradona.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Quell’asse Draghi-Renzi sui Servizi

A volte guarda che strane le coincidenze! Il direttore del Dis (il coordinamento dei Servizi segreti) Gennaro Vecchione informa il Copasir, cioè il Parlamento, che lo 007 Marco Mancini ha incontrato Matteo Renzi nell’autogrill di Fiano Romano senza informare i superiori, e 48 ore dopo

Continua »
TV E MEDIA