Il report Aifa sulle reazioni avverse dei vaccini: “Non è AstraZeneca il più segnalato”

Ema Astrazeneca
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Il report dell’Agenzia Italiana del Farmaco sulle reazioni avverse dei vaccini contro il coronavirus ha contato 46-237 effetti indesiderati. I dati vanno dal 27 dicembre 2020 al 26 marzo 2021. E dicono anche che non è AstraZeneca l’unico siero che riceve segnalazioni. Anche quelli di Pfizer-Biontech e Moderna – basati sull’Rna messaggero – potrebbero provocare effetti collaterali, anche se non c’è nessun nesso causale provato con la somministrazione.

Il report Aifa sulle reazioni avverse dei vaccini: “Non è AstraZeneca il più segnalato”

Il Fatto Quotidiano spiega oggi che in Italia dall’inizio della campagna vaccinale al 26 marzo scorso sono stati segnalati 510 casi sospetti ogni 100 mila somministrazioni, indipendentemente dal siero utilizzato, vale a dire oltre 46mila eventi sul totale (a quella data) di più di 9 milioni di dosi somministrate.

Di questi, quasi 37.400 (l’81%) sono da ricondurre a Pfizer, 971 (il 2%) a Moderna e 7.854 (17%) a Vaxzevria. Dati che provengono dal Rapporto sulla sorveglianza dei vaccini Covid dell’Aifa. E che vanno necessariamente correlati alla quantità di ogni tipo di vaccino utilizzato dall’inizio della campagna vaccinale. Il numero di segnalazioni di sospette reazioni avverse relative a Pfizer – con 535 casi ogni 100mila somministrazioni – è decisamente più alto di quello che riguarda Moderna (227 casi sempre ogni 100mila somministrazioni) e Vaxzevria (477 segnalazioni) solo perché il suo uso è stato predominante nel corso della campagna vaccinale, con il 68% delle dosi somministrate.

“E il report di Aifa va considerato come un registro degli indagati – spiega l’immunologo Sergio Abrignani, docente all’Università di Milano –. Raccoglie le segnalazioni di reazioni avverse che
potrebbero essere collegate alla somministrazione, ma questo non significa che quel vaccino sia colpevole, almeno fino a quando non si stabilisce che c’è probabilmente un nesso di causalità.

Il rapporto Aifa sulle reazioni avverse

I dati raccolti e analizzati riguardano le segnalazioni di sospetta reazione avversa registrate nella Rete nazionale di Farmacovigilanza tra il 27 dicembre 2020 e il 26 marzo 2021. Si parla dei tre vaccini in uso nella campagna vaccinale in corso, tra cui AstraZeneca. “Nel periodo considerato- prosegue il Rapporto- sono pervenute 46.237 segnalazioni su un totale di 9.068.349 dosi somministrate (tasso di segnalazione di 510 ogni 100.000 dosi). Di queste il 92,7% sono riferite a eventi non gravi, che si risolvono completamente, come dolore in sede di iniezione, febbre, astenia/stanchezza, dolori muscolari”.

Per tutti i vaccini gli eventi avversi più segnalati sono febbre, cefalea, dolori muscolari/articolari, dolore in sede di iniezione, brividi e nausea. In linea con le informazioni note sui vaccini finora utilizzati in Italia.

Leggi anche: Lo stop ad AstraZeneca per militari, polizia e forze dell’ordine

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Quell’asse Draghi-Renzi sui Servizi

A volte guarda che strane le coincidenze! Il direttore del Dis (il coordinamento dei Servizi segreti) Gennaro Vecchione informa il Copasir, cioè il Parlamento, che lo 007 Marco Mancini ha incontrato Matteo Renzi nell’autogrill di Fiano Romano senza informare i superiori, e 48 ore dopo

Continua »
TV E MEDIA