Anche i ragazzi fanno i guardoni. Grande Fratello, record di spettatori giovanissimi. XFactor, finale spettacolare ma solo il 5% in chiaro

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

di Angelo Costa

Federica Lepanto e Giosada sono i due vincitori di Grande Fratello e X Factor. Nuovi personaggi che conquistano la scena. Il Gf 14 ha registrato il record d’ascolti con 4.308.000 telespettatori e il 22,02% di share (24,7% sul target 15-64 anni), risultando programma leader assoluto della serata, con picchi, sul momento della proclamazione di Federica, di oltre il 46%. Per il reality targato Endemol, la media d’ascolto di quest’anno è stata del 19% di share con oltre 3.500.000 telespettatori. Risultati eccezionali anche sui giovanissimi 15-19enni, dove la share media è arrivata al 36%. Numeri eccezionali anche sul web e i social network: oltre 1 milione di tweet durante l’edizione, con picchi di anche 1.000 tweet al minuto, quasi due milioni di fan sulla pagina Facebook ufficiale e più di 55 milioni di video visti sul sito ufficiale.
La finale di X Factor 9 ha ottenuto su SkyUno il 5,18% di share con 1.238.624 spettatori. L’ascolto comprensivo anche di Mtv8 e Cielo è stato invece pari al 9,6% di share con 2.289.000 spettatori. Meglio dell’anno scorso (1.953.000 pari all’8,02%).

SCARICO IL TELECRONISTA
Che il telecronista di calcio debba coniare neologismi per essere originale è risaputo. Basti pensare al mitico Sandro Ciotti che cominciava il secondo tempo dicendo “riprendono le ostilità”. Oppure Bruno Pizzul che definiva un rinvio alla “viva il parroco”. Col passare degli anni siamo passati alla “sciabolata” e al “numero” di Sandro Piccinini. E ancora “al tè caldo all’intervallo” o “al tutti sotto la doccia” di Fabio Caressa, al “Rete! Rete! Rete!” e “game over” di Maurizio Compagnoni. Poi ci sono termini che vengono usati da tutti come “in mezzo al traffico” per dire che un giocatore si muove tra una selva di gambe. Ma ce n’è un altro che spopola. È in voga più che mai. Si tratta della parola “scarico” usata per raccontare un passaggio. In pratica chi si libera del pallone lo scarica. Manco fosse un bisogno fisiologico nel water.

MUPPET SÌ, SGOMMATI NO
Tornano in tv i Muppet. Kermit, Piggy e tutti gli altri. I simpaticissimi pupazzi creati negli anni ‘60 da Jim Henson arrivano in prime time con una serie tv in prima visione assoluta da stasera alle 21 su Fox (canale 112 di Sky). Il loro successo ha raggiunto più di 100 Paesi con il loro programma più famoso, il Muppet Show, varietà satirico andato in onda sul finire degli anni Settanta. La nuova serie racconta il dietro le quinte del Up Late with Miss Piggy, un talk show alla Letterman presentato dalla maialina più sexy dello schermo, prodotto da Kermit e messo in piedi da tutta la banda dei pupazzi.

COLPACCIO TIMVISION
Cinque candidature ai Golden Globes danno grande spolvero alle serie tv che Timvision, la tv on demand di Tim, propone in anteprima esclusiva in Italia. American Crime vanta tre nomination (miglior miniserie, miglior attrice protagonista e miglior attrice non protagonista). Due nomination per Flesh and Bone (miglior miniserie e miglior attrice).

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Adesso basta errori sul virus

Cantano vittoria come se avessero ottenuto chissà cosa, ma l’Italia che comincia a riaprire dal 26 aprile non è un successo delle destre. Con le solite balle a uso elettorale, Salvini & company da ieri stanno ingolfando i social per intestarsi il ritorno alla normalità

Continua »
TV E MEDIA