Archiviata per Sala l’accusa di turbativa d’asta per il maxi appalto per la Piastra servizi di Expo

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

E’ stata archiviata dal gup di Milano, Giovanna Campanile, su richiesta della Procura generale del capoluogo lombardo, l’accusa di turbativa d’asta sul maxi appalto per la Piastra dei Servizi di Expo contestata, tra gli altri, anche all’ex commissario unico per Expo e sindaco di Milano Giuseppe Sala.

Archiviata, nell’ambito della stessa inchiesta, le posizioni dell’ex manager di Ilspa, Pierpaolo Perez,  dell’ex dg Ilspa Antonio Rognoni e dell’ex responsabile unico del procedimento Piastra, Carlo Chiesa. Lo “scorporo” della fornitura delle “essenze arboree”, scrive il gup, “è stato utilizzato per rientrare nell’importo complessivo dell’appalto”, senza che “questo possa costituire in alcun modo turbativa”.

Sala, in un altro filone del procedimento, è a processo per falso ed è stato invece prosciolto dallo stesso gup dall’accusa di abuso d’ufficio, ma la Procura generale ha fatto ricorso in appello.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

La balla degli italiani fannulloni

Ogni estate ha il suo tormentone musicale, ma quest’anno, con le discoteche ancora chiuse dobbiamo accontentarci di questo ritornello: “non ci sono lavoratori stagionali perché col Reddito di cittadinanza i giovani non vogliono più darsi da fare”. Su giornali e tv è questa la hit

Continua »
TV E MEDIA