Attaccato un convoglio italiano in Somalia. Un ordigno artigianale è esploso al passaggio di alcuni mezzi militari lungo la Jaalle-Siyaad. Nessun ferito

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Un ordigno esplosivo artigianale è esploso al passaggio di un convoglio di mezzi militari italiani nel distretto di Hodan, a Mogadiscio. Lo riferisce il portale della radio somala Mustaqbal, precisando che il convoglio si trovava sulla strada Jaalle-Siyaad e aveva appena lasciato la green zone per dirigersi verso l’aeroporto di Aden Adde. Lo Stato Maggiore della Difesa ha riferito che nessun militare coinvolto è rimasto ferito. L’attacco ha coinvolto due mezzi Vtlm Lince, appartenenti ad un convoglio di 3 mezzi italiani, che stavano rientrando da un’attività addestrativa in favore delle Forze di sicurezza somale. Le cause dell’esplosione sono in corso di accertamento. I militari italiani operano nell’ambito della missione europea in Somalia (Eutm), finalizzata al rafforzamento del Governo Federale di Transizione somalo, attraverso la consulenza militare a livello strategico alle istituzioni di difesa somale e l’addestramento militare. La missione militare dell’UE opera in stretta collaborazione e coordinamento con gli altri attori della comunità internazionale presenti nell’area d’operazione come le Nazioni Unite, l’African Union Mission in Somalia (Amisom) e gli Stati Uniti d’America.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

La Giustizia che fa paura alla Lega

Chi avesse ancora dubbi su uno dei motivi per cui il Governo Conte è stato fermato proprio il giorno prima che l’allora ministro Bonafede facesse il punto sulla riforma della Giustizia, senta bene le parole dette ieri da Salvini: “Questo Parlamento con Pd e 5

Continua »
TV E MEDIA