Ballarò, altro attacco a Renzi. Giannini invita il nemico giurato Della Valle. Banfi lascia TgCom24 per fare il tutor alla d’Urso

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

di Marco Castoro

Da qui a un mese Massimo Giannini si gioca tutto per restare in sella al suo Ballarò. Lui che è un grande esperto di calcio sa come nella vita e quindi anche in tv contino i risultati. Per non perdere la sua panchina stasera Giannini si affida a un parterre che riserva due bei colpi come gli imprenditori Diego Della Valle e Oscar Farinetti, un antirenziano tra i più ferrei e un renziano, a Oliviero Toscani e Daniela Santanché che hanno un buon appeal sul pubblico. Ci saranno anche il sottosegretario Enrico Zanetti e Raffaele Cantone, due figure molto competenti. Mentre per il faccia a faccia ci sarà Eugenio Scalfari che ormai viene invitato ovunque. Gioca coperto, per il momento, il competitor Giovanni Floris che annuncia solo Cesare Damiano e Maurizio Landini. Le altre carte le scoprirà prima di andare in onda. Il finale sarà da Palazzo Farnese. Questa volta contro Ballarò e diMartedì non ci sarà Rambo su Retequattro, ma la Strada dei miracoli che già la settimana scorsa è andata molto bene. Su Rai2 invece esordio del talent Il Grande pasticcere.

SCHIAFFO A PARIS
Il piano editoriale del direttore Carlo Paris è stato bocciato un’altra volta dalla redazione di Raisport. Massiccia presenza dell’assemblea alle urne: hanno votato contro 62 giornalisti. mentre 31 coloro che hanno ancora fiducia. Le rimanenti schede dei 102 giornalisti che hanno votato (sui 112 aventi diritto) sono state bianche e nulle. Tra gli astenuti spicca Varriale. In pratica per Paris è una sconfitta dopo mesi di lavoro. A Viale Mazzini non si esclude un giro di valzer entro gennaio, anche perché Raisport avrà un’estate infuocata con Olimpiadi di Rio ed Europei di calcio. Quindi se deve esserci il cambio della guardia non bisogna aspettare la primavera. Probabile una soluzione esterna al canale, anche se Jacopo Volpi e Marco Franzelli stanno già scaldando i muscoli per l’eventuale nomina.
IL RITORNO DI LIGUORI
Cambia il direttore della testata all news di Mediaset. Alla guida di TgCom24 torna Paolo Liguori mentre Alessandro Banfi avrà il compito di occuparsi degli approfondimenti giornalistici per la direzione generale Informazione Mediaset.Nell’immediato Banfi assume anche il ruolo di coordinatore del contenitore quotidiano Pomeriggio Cinque. In pratica farà da supervisore a Barbara d’Urso. Soprattutto per tutelarla dopo le recenti polemiche riguardanti i servizi e gli ospiti della trasmissione pomeridiana del Biscione. Non è un momento favorevole per la d’Urso anche dal punto di vista degli ascolti. La Vita in diretta quest’anno va meglio e la Domenica In di Costanzo, Perego e Sottile è un osso molto duro.

RAISCUOLA, SPOT OK
Uno dei canali tematici della galassia Rai meno visti è senza dubbio Rai Scuola. Probabilmente i telespettatori lo giudicano vecchio rispetto ai super competitor come History Channel e Discovery. Funziona invece il nuovo spot che vede discutere intorno a un tavolo Nerone, Garibaldi e Napoleone.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Quell’asse Draghi-Renzi sui Servizi

A volte guarda che strane le coincidenze! Il direttore del Dis (il coordinamento dei Servizi segreti) Gennaro Vecchione informa il Copasir, cioè il Parlamento, che lo 007 Marco Mancini ha incontrato Matteo Renzi nell’autogrill di Fiano Romano senza informare i superiori, e 48 ore dopo

Continua »
TV E MEDIA