Ballarò si fa bello, ma resta povero. Gli ascolti non decollano. Alla prima persi 5 punti. Alla prossima scontro con Floris. Stasera Virus

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

I talk della Rai si adeguano alle direttive di Campo Dall’Orto. Ballarò ha cambiato il regista (ora c’è Beldì), lo studio. Il conduttore Massimo Giannini è apparso più sciolto, più a suo agio. Finalmente ha dato l’impressione di essere il padrone di casa e non l’ospite scelto a sorte per restare in piedi e rispondere al citofono. È stato come l’arbitro bravo in una partita di calcio, quello che porta a termine la gara senza diventare protagonista. Anche la nuova formula è piaciuta. Due ospiti alla volta. Senza parlarsi sopra. Poi come in un’opera rossiniana si è andati verso il crescendo delle sedie occupate in studio. Servizi ben curati e scenografia ok. Sulla girandola dei temi sembra quasi che Vianello, Giannini e gli autori si siano un po’ ispirati a Floris e Vespa, che già dall’anno scorso hanno dato vita al balletto. Tanti buoni propositi vanificati però dall’impietoso dato dell’auditel: 6,74% con una media di 1,4 milioni di telespettatori. Sui livelli dell’anno scorso (anche se alla prima del 2014, con Benigni, fu visto da 2.503.000 persone con l’11,8% di share), ma senza il competitor che gli porta via un po’ di ascolti. Il test importante sarà martedì quando ci sarà il derby contro Floris. Stasera tocca a Virus. Nicola Porro in conduzione. Con la rubrica di Sgarbi sull’arte e Greta Mauro pronta alle incursioni. Primi ospiti i governatori Maroni ed Emiliano. La novità sarà il corpo a corpo. Porro è in linea con i gusti del dg, visto che non ha mai esagerato con il numero degli ospiti (al massimo due). Certo né Giannini né Porro arriveranno a dire in diretta: “Berlusconi e Bossi non hanno fatto un cazzo”, come ha detto Gianluigi Paragone a La Gabbia.

PERDITE MINIME PER CANALE 5
Oscurare i canali su Sky non è stato un danno per Mediaset. Almeno stando ai dati auditel del primo giorno del blackout. Canale 5 ha perso solo qualche decimo di punto, ma ha guadagnato sul digitale terrestre. In totale in prime time le reti Mediaset sul pubblico degli abbonati Sky hanno perso circa 3 punti. Di Retequattro il calo più netto.

OSSINI ALL’OSSO
Gli amici a quattro zampe continuano a rifiutare il nuovo conduttore di Cronache Animali. La puntata di martedì è andata peggio di quella del giorno prima: una media di 118.000 spettatori e uno share del 2,43%. Addirittura il programma condotto da Massimiliano Ossini ha fatto peggio del telefilm delle Sorelle McLeod che l’ha preceduto (332 mila e 6,40%). L’ex conduttrice di Cronache Animali, Lisa Marzoli, estromessa perché il programma ha aperto la porta a sponsorizzazioni, ha pubblicato su Facebook il post: “Chissà, forse qualcuno mi rimpiange”.

RED RONNIE SU RAI3
Red Ronnie torna alla Rai. Il 24 settembre alle 21 su Raitre andrà in onda dall’Expo di Milano il concerto di Edoardo Bennato, voluto personalmente da Oscar Farinetti per i contadini. In conduzione oltre al giornalista di Roxy Bar ci sarà Sveva Sagramola. Per Farinetti un altro evento doc dopo la mostra d’arte con Sgarbi. Ronnie all’Expo quest’anno ha realizzato quattro speciali di Roxy Bar.