Balotelli fa infuriare anche la senatrice Pd Rosaria Capacchione. E’ un imbecille. Non gradite le dichiarazioni dell’attaccante relative alla camorra

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Ha fatto sapere di non tenerci affatto a essere il simbolo anticamorra. Non passa un giorno che non si parli di Mario Balotelli. Ma c’è da dire che il ragazzo spesso e volentieri ci mette del suo. Domani la nazionale italiana affronterà l’Armenia a Napoli (oggi esibizione sul campo anticamorra di Quarto, dove gioca la Nuova Quarto squadra sequestrata ai clan, ndr) e la Gazzetta dello dello sport ha scritto: “sarà il simbolo anticamorra”. Manco a dirlo. Mad Mario ha voluto subito chiarire su twitter: “Questo lo dite voi! Io vengo perché il calcio e bello e tutti devono giovarlo dove vogliono e poi c’è la partita!!!!

Tirata d’orecchie dalla Figc: “Occorre sempre grande prudenza, ogni comunicazione viene letta e interpretata in tanti modi”. E’ l’opinione di Giancarlo Abete, presidente della Federcalcio, a proposito dell’ultimo caso legato a Mario Balotelli, che in un tweet ha voluto rispondere a chi lo ha indicato come possibile simbolo della lotta alla camorra. “Balotelli vive un periodo impegnativo, ma alla fine bisogna capire che il livello di pressione mediatica su di lui è eccessivo”, spiega ai microfoni di Radio anch’io Sport su Radiouno. “Non può fare un passo o scrivere parole che possono essere interpretate in tanti modi. Da parte sua – continua Abete – c’è anche la stanchezza causata dall’essere sempre e soltanto lui nell’occhio del ciclone. Ma i suoi valori sono quelli condivisi da tutti noi”. Ma c’è chi si dice stufo e lo manderebbe a casa. E solo ieri Balotelli ne aveva combinata un’altra delle sue litigando con un cameraman Mediaset.

E’ andata giù duro contro Balotelli la senatrice del Pd Rosaria Capacchione (lei sì che è un simbolo anticamorra): “E’ un imbecille. Come altro definirlo?, risponde a Corriere.it, “Un campione del suo valore dovrebbe essere più attento a quanto dichiara in pubblico. Soprattutto perché ha un enorme seguito tra i più giovani”. E poi conclude la Capacchione, vittima di continue minacce della camorra quando era una cronista del Mattino di Napoli: “Balotelli già fece parlare di sé per una strana visita al quartiere Scampia, due anni fa: per questo motivo, avrebbe fatto meglio a non sollevare gli stessi dubbi del passato”.