Berlinguer fa litigare Orfeo e Mazza

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

di Marco Castoro

Dopo le recenti nomine, in Rai tiene banco la questione del trasferimento di Donatella Scarnati e degli altri colleghi del Tg1 che seguono gli avvenimenti sportivi alla redazione di Rai Sport. Mauro Mazza l’ha già dato per scontato, mentre Mario Orfeo ha detto che darà l’ok se otterrà un rinforzo dal Tg3, quell’Oliviero Bergamini, attuale caporedattore della cultura del Tg3 in procinto di diventare il nuovo responsabile del servizio società del Tg1. Non appena verrà deciso il trasferimento. Ma per il momento il direttore del Tg3, Bianca Berlinguer, sta facendo le barricate per impedire che Bergamini vada da Orfeo. Il dg Luigi Gubitosi, per quieto vivere, sta cercando di andare a dama ma continua a trovare ostacoli sul suo cammino. Dopo aver incontrato e ottenuto la disponibilità da Bergamini non è da escludere che presto incontri la Berlinguer per chiederle di sdoganare il suo caporedattore.

Maggioni-Laterza, che accoppiata
Karina Laterza, moglie dell’editore Giuseppe Laterza, ha lasciato il Tg1 per approdare alla corte di Monica Maggioni a RaiNews. La giornalista, il cui vero nome è Tarsilla Guarino, sta spiccando un bel salto in avanti. Da caposervizio a caporedattore, per lei il passo è breve. E all’orizzonte non c’è nemmeno un nuovo libro della Maggioni da pubblicare. Almeno così sembra. E poi il direttore preferisce Longanesi.

La querela vien Ballando
Ballando con le stelle annuncia una querela da un milione di euro nei suoi confronti e lui rilancia: «Allora io ve ne chiedo due per quello che ho subito». Il concorrente Crespi replica agli autori Carlucci-De Andreis che, dopo aver letto alcuni tweet, avevano deciso di rivolgersi alle vie legali.

Bonolis fa infuriare i filippini
Lo straccio per spolverare portato al petto durante l’inno nazionale filippino potrebbe costare caro a Paolo Bonolis. Un consigliere aggiunto del Campidoglio, Romulo Sabio Salvador, filippino, ha scritto all’Autorità per le garanzie nelle comunicazioni (Agcom) contro un personaggio del programma di Bonolis Avanti un altro, in onda su Canale 5, che offenderebbe i filippini. Nella lettera, a nome della comunità residente a Roma e indirizzata anche all’Ufficio nazionale anti-discriminazioni razziali (Unar) e a Mediaset, si chiedono alla produzione le pubbliche scuse ai filippini.

Ascolti, crescono i non generalisti
La forbice si sta accorciando mese dopo mese. I canali non generalisti sono ormai vicini alla soglia del 40% di media giornaliera. A ottobre hanno sfiorato il 38%, con una crescita del 7% rispetto al 2012. In prima serata +11% di share. Sul giornaliero un 31% è per il digitale e un 6,5% per la pay tv, capitanata da Sky e Fox. Rai Yo Yo, Iris e Real Time sono i tre canali più visti sul digitale.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Quell’asse Draghi-Renzi sui Servizi

A volte guarda che strane le coincidenze! Il direttore del Dis (il coordinamento dei Servizi segreti) Gennaro Vecchione informa il Copasir, cioè il Parlamento, che lo 007 Marco Mancini ha incontrato Matteo Renzi nell’autogrill di Fiano Romano senza informare i superiori, e 48 ore dopo

Continua »
TV E MEDIA