Berlusconi arruola Draghi: lo vuole come premier. E il leader di Forza Italia stoppa Salvini: bocciato il referendum sull’Ue

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Il nome di Mario Draghi per fermare il Pd. Silvio Berlusconi, in un’intervista a Quotidiano nazionale, ha lanciato la sua proposta, che comunque difficilmente sarà raccolta: l’ex governatore della Banca d’Italia è al comando della Bce. Un ruolo molto più pesante rispetto al presidente del Consiglio italiano.

“È stato il mio governo ad ottenere per Mario Draghila guida della Banca centrale Europea, e non mi sono mai pentito di quella scelta. Dunque, ho grande stima di lui, sarebbe un ottimo premier ma non credo sia interessato a lasciare il ruolo in Europa”, ha comunque rivendicato Berlusconi, spiegando i motivi per cui gli piacerebbe proporre Draghi come premier. Per quanto riguarda le elezioni, comunque, il leader di Forza Italia cerca di allontanare l’ipotesi di una coalizione con il Pd: “Immagino che Renzi voglia tornare a Palazzo Chigi vincendo le elezioni. Noi ovviamente faremo tutto il possibile per evitarlo, perché vogliamo vincerle e portare a Palazzo Chigi un nostro candidato”.

Ma l’ex premier ha sfoggiato un lato europeista molto simile a quello di Renzi: l’Unione è necessaria, ma deve cambiare. “L’Italia non è soltanto dentro l’Europa, è uno dei paesi fondatori dell’Europa. Il problema è che l’Europa, nata proprio a Roma 60 anni fa, era molto diversa da questa”, ha scandito Silvio. E quindi c’è stata la presa di distanze rispetto a un cavallo di battaglia della Lega di Matteo Salvini: il referendum sulla permanenza dell’Italia nell’Ue. “La nostra Costituzione esclude, a mio avviso giustamente, la possibilità di un referendum su queste materie. Quindi il problema non si pone”.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Il suicidio del servizio pubblico

La difesa strettamente burocratica, da perfetto travet, fatta dal direttore di Rai3 Franco Di Mare in Commissione di vigilanza (leggi l’articolo) per scrollarsi di dosso l’accusa di censura sul concertone del Primo Maggio, spiega più di un’intera enciclopedia perché il Servizio pubblico in Italia è

Continua »
TV E MEDIA