Berlusconi dà buca al Tg5

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

di Marco Castoro

Avevano preparato tutto per una grande intervista. Come si fa negli studi di un tiggì, che vanta ascolti super, quando arriva un ospite come Silvio Berlusconi. Avevano anche sognato di fare il sorpasso ai danni del Tg1 nella sfida degli ascolti. Ma l’intervista all’ex premier è saltata all’ultimo momento. Berlusconi ha dato buca al tiggì del Biscione. Non ha fatto in tempo. Il leader di Forza Italia ha fatto tardi. Un inconveniente che testimonia ancora una volta il cambiamento di Silvio? Un fatto del genere non sarebbe mai accaduto qualche anno fa. Un’intervista davanti a 5 milioni di telespettatori non si rifiuta mai. A meno che non l’abbia fatto apposta per andare in onda nel sabato di Pasqua. Infatti l’intervista è slittata a stasera.
Dall’entourage di Berlusconi hanno spiegato l’inconveniente dicendo che c’è stato un problema di tempi, l’ex premier ha fatto tardi per i suoi impegni e per questo non è stato possibile realizzare l’intervista nei tempi tecnici utili a mandarla in onda.
Ma in realtà Berlusconi ha fatto tardi perché è rimasto incollato davanti alla tv a vedere la conferenza stampa di Matteo Renzi al termine del consiglio dei ministri dell’Irpef e degli 80 euro. Del resto non poteva presentarsi in tv al buio. Senza aver visto e studiato il presidente del consiglio.

Il nudo tira, Santoro no
Com’era facile da prevedere la fiction di Rodolfo Valentino ha sbancato gli ascolti. Le polemiche sulle scene del nudo integrale di Gabriel Garko hanno fatto da lancio alla prima puntata della miniserie di Canale 5. All’esordio ha conquistato il prime time con 4 milioni 516mila spettatori, che valgono una share del 18,73%. Battuta La Pista su Rai1, con 3 milioni 40mila spettatori, al 13,01% di share. Terzo gradino del podio per Wild che su Italia 1 è stato seguito da un milione 713mila spettatori con una share dell’8,5%. Continua il momento poco felice di Servizio Pubblico che su La7 ha fatto registrare l’8,02% di share medio con un milione 709mila spettatori. Per Michele Santoro un altro giovedì al di sotto degli standard degli anni scorsi.

Gli chef si cucinano la tv
Ancora un successo di pubblico per un talent con gli chef protagonisti. La prima edizione italiana di Hell’s Kitchen è andata bene. I primi due episodi, trasmessi su Sky Uno e su Sky On Demand sono stati visti in media da 686.623 spettatori. In particolare il 1° episodio ha raccolto davanti alla tv 709.466 spettatori medi complessivi, una share del 2,32%, mentre il 2° episodio è stato seguito nel complesso da 663.780 spettatori medi, con una share del 2,43%.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Le destre a pezzi nei Comuni

In autostrada nei giorni da bollino rosso c’è meno traffico rispetto al via vai dei sondaggi sulle prossime amministrative. Nel mazzo c’è anche roba di dubbia provenienza, a uso e consumo dei candidati che commissionano (e pagano) le indagini. D’altra parte, un po’ d’ottimismo fa

Continua »
TV E MEDIA