Bignardi, uno schiaffo pure da Iris. Le Invasioni barbariche recuperano un po’ di share. Ma La7 diventa l’ottavo canale del mercoledì sera

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Daria Bignardi torna in superficie. Supera la soglia del 3% e cancella il 2,5% della seconda puntata. Ma La7 finisce ultima tra le reti generaliste. Ma non al settimo posto, come accade quando perde la sfida degli ascolti con le tre reti Rai e le tre di Mediaset. Questa volta scivola all’ottavo posto. A superare la rete diretta dal patron Cairo non è uno dei canali di Discovery, bensì Iris, la rete di Mediaset che si fa apprezzare con i suoi film in prime time. Ed è stato proprio un film l’artefice del sorpasso. Si tratta de Il Pianista, visto in media da 985 mila telespettatori (4,25% di share) contro gli 800 mila e il 3,6% delle Invasioni barbariche. Tornando alla Bignardi le sue interviste hanno perso molto appeal rispetto a quelle delle annate scorse. Test e giochi che propone agli ospiti piacciono sempre meno ai telespettatori. Forse per colpa del contesto storico che stiamo vivendo. Ha lasciato tutti perplessi il corteggiamento a Valeria Golino, descritto da Fabio Volo come un’intervista da Milf.com.

ECCO FORTITUDE
Undici episodi per Fortitude, la megaproduzione Sky Atlantic (budget pari a 25 milioni di sterline) al via in contemporanea in 5 paesi: Inghilterra, Germania, Irlanda, Austria e Italia (il debutto ieri su Sky On Demand, e da stasera alle 21:10 su Sky Atlantic, in streaming su skyatlantic.it e su Sky Online), arrivando contemporaneamente a oltre 20 milioni di abbonati. La serie debutterà anche in America sul canale a pagamento Pivot ed è già stata venduta in 13 Paesi.

RIFORMA AUDITEL
Tra luglio e agosto sarà operativo il nuovo panel dell’Auditel, con 10mila famiglie in più che si aggiungeranno alle attuali 5.600. Mentre per quanto riguarda tablet e smartphone, Auditel è al lavoro con Nielsen per una rilevazione ad hoc. Inoltre cambierà la governance, che sarà esaminata dall’assemblea dei soci ad aprile. Dovrebbero entrare nel cda anche Sky e Discovery. I membri del consiglio passerebbero da 22 a 30: 15 in rappresentanza del mercato, 6 per Rai e 6 per le tv commerciali, 2 per Sky e 1 per Discovery.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

La solita Lega di Lotta e di Governo

Con la maggioranza gialloverde aveva fatto incassare bene al botteghino elettorale. Quindi niente di strano se torniamo a vedere il film della Lega di lotta e di governo. Il copione è sempre lo stesso. Salvini promette cose impossibili, illudendo un’Italia stremata dalle misure anti-Covid che

Continua »
TV E MEDIA