Bonucci cuore di papà: “Mio figlio? Lo ringrazio, sono cresciuto”. Il difensore di Juve e nazionale si commuove parlando della malattia del piccolo Matteo

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Leonardo Bonucci è senz’altro uno dei difensori più forti al mondo. Un punto di forza della Juventus e della Nazionale italiana. Ma Bonucci è anche un padre. Amoroso, premuroso. Che, ovviamente, ha messo da parte tutto e tutti quando c’è stato bisogno di stare vicino a suo figlio, il piccolo Matteo, che doveva affrontare un’operazione molto delicata.

Ora che le cose si stanno aggiustando e l’operazione è andata bene, secondo come previsto, Bonucci può parlare più liberamente. E all’Ansa rivela: “mio figlio? Lo ringrazio, sono cresciuto”, per poi scoppiare a piangere. Un pianto liberatorio. Oltreché di felicità.

“Negli ultimi due mesi ho vissuto momenti difficili – racconta Leonardo Bonucci – ringrazio mio figlio Matteo che mi ha dato tantissima forza, così come l’altro mio figlio Lorenzo e mia moglie Martina. Sono stati momenti duri e abbiamo lottato, momenti in cui senti di crescere nella vita e capisci cosa conta davvero”. Si è commosso Leonardo Bonucci oggi a Coverciano, dove per la prima volta ha raccontato della sofferenza vissuta da lui e dalla sua famiglia per la salute del piccolo Matteo, il figlio di due anni operato nei mesi scorsi per una patologia acuta. Matteo adesso sta meglio, suo padre appare più sollevato anche se ancora provato: “Quello che ho vissuto mi ha trasmesso tanta forza, il calcio resta importante ma tutto il resto, certe critiche, certe discussioni, certi mugugni, lo vedi e lo vivi in modo diverso. C’è sempre da crescere, da migliorare ma quello che ti succede nella vita conta di piu’ di un passaggio sbagliato. Quando stai bene nella testa e nel cuore – ha concluso il difensore della Juve e della Nazionale – puoi affrontare tutto”.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

La politica finita nel cesso

Passando al cesso più tempo della media – tra una foto ricordo e l’altra – a Sgarbi dev’essergli caduto dentro il cervello. Non può spiegarsi diversamente lo stupore che l’ha colto quando ieri migliaia di persone l’hanno sommerso di insulti per le volgarità gratuite che

Continua »
TV E MEDIA