Bordate vaticane sul Leonardo da Vinci. Crescono i timori per il Giubileo e pure la Santa Sede spara contro l’aeroporto di Fiumicino

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

In vista del Giubileo la preoccupazione monta in Vaticano. Nel mirino, visti i fatti di questi giorni, l’aeroporto di Fiumicino. “Ennesimo, nuovo capitolo della lunga crisi che sta soffocando la città di Roma”, ha commentato ieri l’Osservatore Romano, organo della Santa Sede, a proposito del rogo che ha colpito la pineta di Focene. “Fiumicino è solo la punta dell’iceberg”, ha scritto l’Osservatore, aggiungendo che “dopo Mafia Capitale, la crisi dell’Ama e dell’Atac, gli scandali che hanno colpito la pubblica amministrazione come testimoniato anche dalla relazione del prefetto Gabrielli e il cambio della terza giunta comunale in poco più di un anno e mezzo, Roma è ormai un caso politico”. Insomma, anche il Vaticano si fa sentire.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Adesso basta errori sul virus

Cantano vittoria come se avessero ottenuto chissà cosa, ma l’Italia che comincia a riaprire dal 26 aprile non è un successo delle destre. Con le solite balle a uso elettorale, Salvini & company da ieri stanno ingolfando i social per intestarsi il ritorno alla normalità

Continua »
TV E MEDIA