L’Italia a Londra legge BritalyPost. Il quotidiano online sarà presentato questa sera. Un riferimento per gli italiani residenti in Inghilterra

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

di Patrick Fazio

Un ponte tra Italia e Regno Unito. Ma anche un riferimento per la vastissima comunità italiana che vive nel Paese britannico. Solo nella grande Londra si arriva a quasi mezzo milione di nostri connazionali. Come se due medie città emigrassero tutte insieme, bambini e anziani compresi. Ecco cos’è e a chi si rivolge BritalyPost.com, il giornale online che sarà presentato questo pomeriggio proprio a Londra, alla presenza del sindaco della città, l’eclettico storico e scrittore Boris Johnson. Il Britaly ha due versioni, in italiano e inglese, con una sezione ricca di notizie di servizio. Come trovare casa, che opportunità di lavoro ci sono, quali voli prendere, il cambio migliore, a chi chiedere assistenza per qualsiasi necessità. Informazioni a cui molti italiani a Londra chiedono continuamente di accedere. Ma non finisce qui.

LA NOVITÀ – Il giornale si pone come una vera e propria piattaforma per le imprese italiane che intendano aprire un’attività nel Regno Unito. E viceversa. Un’intuizione dell’editore, l’imprenditore romano Fabio Petroni, che proprio in Inghilterra circa 20 anni fa impiantò la società di trasporti Terravision, oggi diventata leader a livello europeo nel trasporto passeggeri da e per gli aeroporti verso le grandi città. Quel patrimonio di informazioni, dalla gestione della burocrazia alle opportunità di business, troveranno una piazza di condivisione preziosa per gli italiani e molto utile anche agli inglesi. Britaly, come rivela già il nome, porterà infatti il gusto italiano, le bellezze del nostro Paese e le potenzialità del Made in Italy a contatto con un pubblico che ha fame d’Italia, spesso però senza essere sollecitato a venirla a visitare o semplicemente a conoscerla meglio. Stili di vita, cultura, possibilità di turismo e affari, si incontreranno perciò sul BritalyPost, e da qui andranno a una platea ancora più vasta. La cultura liberale e di visione globale del Regno Unito, la forza economica, la capacità di realizzare benessere e progresso grazie a riforme alle quali oggi anche l’Italia si ispira, sarà messa in vetrina e ripresa sulle pagine cartacee della Notizia, partner del progetto. Allo stesso modo, le grandi qualità italiane, la capacità di difendere le nostre tradizioni innovando, troveranno ampiamente spazio sul BritalyPost e riprese sulle pagine cartacee del popolare quotidiano inglese EaveningStadard, con il quale si stanno definendo importanti accordi. A realizzare il BritalyPost è una redazione di giovani, tutti bilingue e che fatto base negli uffici di Londra, Milano e Roma. Il direttore è il noto giornalista James Hansen e il quotidiano online potrà contare sul contributo di diverse firme prestigiose, tra cui quella di Bill Emmott, in passato direttore del The Economist, e del direttore della Notizia, Gaetano Pedullà. Per chi volesse collegarsi, il sito è www.britalypost.com.