Bruxelles, caccia al fuggitivo nella città terrorizzata. Quattro nel commando: 3 kamikaze, uno fu fermato in Turchia

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Sono almeno quattro le persone che hanno partecipato agli attacchi di ieri che hanno messo a ferro e fuoco Bruxelles. Due le persone identificate dalle forze di polizia con certezza: Khalid El Bakraoui, che si è fatto esplodere nella metro di Maalbeek, e suo fratello Ibrahim, che si è fatto esplodere all’aeroporto di Bruxelles. Gli altri due attentatori comparsi nei video di sorveglianza dell’aeroporto risultano ancora non identificati. Uno si sarebbe fatto esplodere, l’altro, un uomo con il cappello e la giacca bianca nella foto diffusa dalla polizia, è in fuga e attualmente ricercato. Questo quanto emerge dal punto fatto dal procuratore federale belga Frédéric Van Leeuw in conferenza stampa.

GLI ATTENTATI – Per quanto riguarda l’attentato alla metro, Khalid avrebbe attivato la bomba mentre era a bordo del secondo vagone proveniente dalla stazione di Schuman. Ibrahim, che sarebbe il kamikaze dell’aeroporto, a giugno sarebbe stato arrestato in Turchia. A renderlo noto il presidente turco Erdogan che ha spiegato che successivamente all’arresto è stato deportato in Belgio e rilasciato dalle attività locali poco dopo e perché “non aveva legami col terrorismo”. Il suo computer è stato ritrovato in un secchio della spazzatura. Il bilancio complessivo delle stragi resta ancora provvisorio e, per il momento, parla di 32 morti e 270 feriti. Nel frattempo si procede con il riconoscimento delle vittime, tra cui ci sarebbe anche una donna italiana.