Calcio femminile nella bufera. Per protesta salta la finale di Coppa Italia. Aic e Aiac continuano a chiedere le dimissioni di Belloli

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Continua la rivolta del calcio femminile. Tanto che la finale di Coppa Italia tra Brescia e Tavagnacco non si giocherà. Era in programma per sabato prossimo. La decisione è maturata nella giornata odierna al termine dell’incontro a Milano tra calciatrici e tecnici in rappresentanza dei team di serie A e B. Aic e Aiac continuano a chiedere con insistenza le dimissioni del presidente della Lnd Felice Belloli finito nella bufera a causa delle dichiarazioni contro l’intero movimento del calcio femminile (“basta soldi a queste quattro lesbiche”, ndr). Le calciatrici italiane danno “per scontate le dimissioni” di Belloli, chiedono “di avere una lega autonoma” ed invitano i colleghi a “un gesto di solidarieta’, per mostrare che il mondo del calcio è unificato”, ha detto la calciatrice Patrizia Panico.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Adesso basta errori sul virus

Cantano vittoria come se avessero ottenuto chissà cosa, ma l’Italia che comincia a riaprire dal 26 aprile non è un successo delle destre. Con le solite balle a uso elettorale, Salvini & company da ieri stanno ingolfando i social per intestarsi il ritorno alla normalità

Continua »
TV E MEDIA