Calcio malato, anche quello giovanile

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

dalla Redazione

Un calcio davvero malato. Già dai campionati giovanili e non può essere certo colpa dei ragazzini. L’ultimo episodio di violenza ha al centro della scena il padre di un ragazzo. Come racconta il Nuovo Quotidiano di Puglia un arbitro di calcio di 17 anni è stato aggredito domenica dal papà di un giocatore che ha invaso il campo e lo ha picchiato, mandandolo all’ospedale dove è stato medicato e dimesso con una prognosi di tre giorni. Era una partita del campionato giovanissimi (età tra i 14 e i 15 anni) tra Tricase e Sogliano Cavour. Un gesto senza scusanti. Vergognoso. Che però alla fine per fortuna si è chiuso con un gran bel messaggio positivo. Grazie al figlio stesso dell’aggressore. Che a 14 anni ha dimostrato certamente più maturità dell’adulto. In lacrime il ragazzino è andato a chiedere scusa all’arbitro. Sempre in Salento la scorsa settimana c’erano state violenze nel calcio giovanile.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Quell’asse Draghi-Renzi sui Servizi

A volte guarda che strane le coincidenze! Il direttore del Dis (il coordinamento dei Servizi segreti) Gennaro Vecchione informa il Copasir, cioè il Parlamento, che lo 007 Marco Mancini ha incontrato Matteo Renzi nell’autogrill di Fiano Romano senza informare i superiori, e 48 ore dopo

Continua »
TV E MEDIA