Canone Rai in bolletta, indietro tutta

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

di Marco Castoro

Canone, che figura Giacomelli! Il sottosegretario del ministero Sviluppo economico, con delega alla comunicazione, è stato letteralmente preso a schiaffi da palazzo Chigi. Non ha fatto in tempo a pubblicizzare il canone a 60 euro nella bolletta elettrica che dalla presidenza del Consiglio è arrivata la smentita. Una retromarcia dovuta dai tempi tecnici non sufficienti per inserire il provvedimento nella legge di stabilità. C’è poco da fare: ogni volta che qualcuno prende il posto del premier nell’occhio di bue finisce al buio. Eppure Giacomelli è un politico navigato di prima Repubblica, di scuola andreottiana (anche se nel curriculum del ministero la Dc non compare) quindi dovrebbe aver capito che Renzi è come Achille: la gloria la vuole tutta per sé.

MA SALVINI NON È RENZI
Matteo Salvini si conferma un toccasana per gli ascolti dei talk tv. Tra l’altro ora è diventato perfino goleador del centrodestra, con Berlusconi pronto a fare il regista. Anche lunedì sera la fama del leader del Carroccio non è stata smentita. Quinta colonna che l’ha ospitato ha fatto quasi un punto in più rispetto alla media stagionale. Esattamente ha riportato 1.310.000 spettatori medi con uno share del 6,16%. Con Matteo Renzi ospite a inizio ottobre però Paolo Del Debbio aveva fatto più ascolto di quanto sia riuscito a portare a casa con Salvini. La puntata con ospite il premier è stata vista da una media di un milione e mezzo di telespettatori per uno share del 6,36%. La stagione di Quinta colonna, il talk di Retequattro, finora è senza dubbio positiva. Almeno per la fase autunnale. Nella media di tutti i talk di prima serata Del Debbio è al secondo posto (media share 5,60% e 1.243.575 spettatori), dopo Ballarò che nonostante abbia subito un tracollo rispetto alla scorsa stagione è in testa alla graduatoria con una media del 7,09% di share e 1.635.118 spettatori. Seguono nell’ordine: Servizio pubblico (5,44%), Virus (4,62%), Piazza pulita (4,34%), DiMartedì (4,27%), Announo (4,09%) e la Gabbia (2,84%).

LA TV DEI SINDACATI
Anche nei talk di ieri sera pienone dei sindacalisti in tv. Da Floris a DiMartedì c’erano la Furlan e una ex, la solita nota Polverini. Ballarò ha ospitato la Camusso. Da Lilli Gruber invece c’era Landini.

UN POSTO AL SOLE SUPERA IL TG2
La soap di Raitre continua a riscuotere consensi. Gli appassionati stanno raggiungendo i 2,5 milioni (share quasi il 9%). Superato anche il Tg2 che pure vanta l’8% di share con 2,2 milioni.

ECCO I PRETI DI PERIFERIA
Quattro «preti di strada» porteranno il Vangelo nelle periferie durante A sua immagine, la rubrica religiosa di Raiuno in onda il sabato pomeriggio e la domenica mattina e condotta da Lorena Bianchetti. I quattro sacerdoti che debutteranno in tv sono don Luigi Ciotti, don Vinicio Albanesi, don Maurizio Patriciello e don Gino Rigoldi. Tra i vip che parleranno della loro vita spirituale ci saranno Carlo Verdone, Massimo Ranieri, Giusy Versace. «Siamo stati disprezzati per 47 anni – ha detto don Albanesi della comunità di Capodarco – Io è la prima volta che ricevo un invito dal segretario generale della Cei. Si vede proprio che è cambiata l’aria».