Capitani coraggiosi nell’Olimpo. In tv il concerto di Morandi e Baglioni supera il 20%. Il Segreto, l’Eredità e il Tg1 sul podio degli ascolti

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

di MARCO CASTORO

I capitani coraggiosi di Raiuno sono entrati di diritto nell’Olimpo dei programmi più visti in tv dagli italiani. Sulle note di Poster o di Uno su mille abbiamo cantato tutti. Del resto non si può restare muti davanti a oltre quarant’anni di canzoni rivissute tutte d’un fiato. Morandi e Baglioni hanno fatto centro. Non solo nei concerti live romani ma anche in tv. Sono entrati di diritto nel club che conta, quello del 20% di share. Che significa un telespettatore su cinque in visione che guarda quel programma. Il 20% è considerata la soglia del successo pieno. Indiscutibile. Poi ci sono gli eventi che hanno percentuali bulgare, tipo le partite della Nazionale ai Mondiali e il Festival di Sanremo. Tuttavia durante la giornata sono diversi i programmi che possono mettersi al petto la medaglia. Ovviamente la media in milioni di telespettatori dipende dalla fascia oraria, quello che conta è la percentuale, lo share.

DAY TIME
Se al mattino Eleonora Daniele può indossare le vesti della principessa, grazie alla performance sbalorditiva di Storie Vere, la trasmissione che ha scalato la vetta degli ascolti, al pomeriggio troviamo il Biscione nei panni dell’Imperatore. Da Beautiful in poi è tutto un dominio. Uomini e Donne con Maria De Filippi, la finestra del Grande Fratello e il Segreto (qui si raggiungono addirittura percentuali del 30%) fanno volare gli ascolti. Bene anche Barbara d’Urso con Pomeriggio 5, seppure non riesca a raggiungere costantemente la soglia del 20%.

PRESERALE E ACCESS
Nella fascia del tardo pomeriggio ci sono dei programmi che vantano un pubblico cospicuo e costante di telespettatori. Veri e propri feudi per l’Eredità di Carlo Conti (il 25% di share!), per Striscia la Notizia e Affari tuoi, due programmi visti entrambi da una media superiore ai 5 milioni. Poi c’è il Tg1 delle 20: un appuntamento canonico fin dalla nascita della Rai. Tuttavia va detto che l’attuale direttore Mario Orfeo ha riportato gli ascolti sui livelli che competono al papà di tutti i tiggì, recuperando ascolti fino a oltre il 25% di share.

DE FILIPPI E CONTI
Il re Mida e la regina della tv generalista restano ancora Carlo Conti e Maria De Filippi. Anche quest’anno Conti buca il video con l’Eredità e con Tale e Quale Show. Sarà un successo anche Sanremo. La Pasionaria ormai non fa più notizia. Con facilità estrema porta al trionfo qualsiasi trasmissione conduce. Uomini e donne, Amici, C’è posta per te sono ormai programmi cult. Da un paio di anni Maria ha portato al successo anche Tu si que vales. E quest’ultima impresa non era poi così scontata come potrebbe sembrare, rilanciando anche Mara Venier.

FICTION DOC
Un ruolo nell’Olimpo ce l’hanno anche quelle fiction campioni di ascolti. Come Montalbano (anche nella versione giovane), Don Matteo, la Cara Prof, Braccialetti Rossi.
Quest’ultima serie tornerà su Raiuno nel della primavera del 2016.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

La stampa e la sindaca deficiente

Le confidenze di Urbano Cairo ad alcuni tifosi del suo Torino hanno svelato cosa pensa questo editore (Corriere della Sera, La7 e altro ancora) della sindaca M5S Chiara Appendino, definita con fallo da Var, espulsione e retrocessione “deficiente”. Ma non c’è bisogno di videocamere nascoste o

Continua »
TV E MEDIA