Campo Dall’Orto licenzia Azzalini. Il capostruttura della Rai paga per il countdown di Capodanno anticipato

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

di Marco Castoro Proprio nel giorno in cui Campo Dall’Orto ha avuto dal cda di Viale Mazzini il via libera ai super poteri che la carica di ad gli consente di avere, l’attuale capo azienda della Rai non ha avuto pietà nei confronti del capostruttura Antonio Azzalini che a Capodanno è finito sotto inchiesta per il countdown accelerato. Un provvedimento drastico che non lascia adito a commenti. E che conferma la linea dura nei confronti di chi sbaglia annunciata dal dg. Sicuramente ora ci sarà ricorso di Azzalini e la vicenda avrà sicuramente uno strascico. I VOTI DEL CDA Le modifiche allo statuto sono state approvate non all’unanimità perché tre consiglieri dell’opposizione (Diaconale, Mazzuca e Freccero) hanno votato contro perché restano critici nei confronti della legge approvata in Parlamento che ha dato il là alla riforma della Rai. Il cda ha rivisto invece  le norme statutarie sui dirigenti esterni. Il tetto del 10%, su cui inizialmente si faceva riferimento, è stato dimezzato al 5%. Quindi potranno essere chiamati con contratti a tempo determinato – e per la durata del mandato di Campo Dall’Orto – non più di 13 dirigenti esterni, su un totale in pianta organica di 252. Ma sono fuori dai conteggi quelli già nominati. Facendo i conti, dunque, non si arriva più al 10%, ma di sicuro siamo oltre il 5. Perché alla fine i nuovi manager saranno almeno 20, sommando quelli già arrivati a Viale Mazzini. Il braccio destro di Campo Dall’Orto, Tagliavia, è stato nominato anche presidente di Raicom. TERREMOTO A PREMIUM Il conduttore dei programmi della Champions League, in esclusiva su Premium per tre anni, ha mollato il Biscione per abbracciare la direzione di Fox Sport, il canale del bouquet di Sky che si occupa del calcio internazionale. Marco Foroni verrà rimpiazzato da Sandro Sabatini, un ex Sky in organico da qualche mese a Premium. Sarà lui il nuovo conduttore, nonché caporedattore centrale. TIKI TAKA RECORD Al Processo del Lunedì non bastano gli ex opinionisti di Tiki Taka (come Scanzi, Dalai e Barra) per battere nella sovrapposizione il programma di Pardo che lunedì scorso ha stabilito il primato stagionale (681mila e l’8,30%). In sovrapposizione Tiki Taka 794.000 con 5,49% e il Processo 650.000 con 4,49%. RENZI IN OMBRA Per una volta può capitare che anche Renzi faccia flop in tv. La sua intervista nel programma di Del Debbio non ha registrato buoni ascolti  (solo il 3,62% di share). La metà del pubblico che ha assistito alla puntata della soap di Raitre Un posto al sole. E questo la dice lunga. SI RIPARTE DA GAZZÈ Jack On Tour, il viaggio musicale di Jack Daniel’s, riaccende i motori stasera alle 23:45 su DMax. Primo ospite dei quattro appuntamenti settimanali è Max Gazzè che porta il pubblico alla scoperta della sua Roma. HUNZIKER STREPITOSA Michelle Hunziker è tornata e il pubblico l’ha seguita alla grande: 6,6 milioni la media di spettatori di Striscia la Notizia.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Il suicidio del servizio pubblico

La difesa strettamente burocratica, da perfetto travet, fatta dal direttore di Rai3 Franco Di Mare in Commissione di vigilanza (leggi l’articolo) per scrollarsi di dosso l’accusa di censura sul concertone del Primo Maggio, spiega più di un’intera enciclopedia perché il Servizio pubblico in Italia è

Continua »
TV E MEDIA