Catturato il killer che a Napoli ha gravemente ferito la piccola Noemi. Dietro l’agguato c’è la camorra. Rintracciato a Siena. In manette anche il fratello

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Sono stati compiuti due fermi per il ferimento della piccola Noemi, la bambina di 4 anni, coinvolta nella sparatoria avvenuta a Napoli venerdì scorso, colpita per errore e ancora in pericolo di vita. Nel corso di un’operazione condotta da Carabinieri, Polizia e Guardia di Finanza, sono stati arrestati, con l’accusa di tentato omicidio premeditato, i fratelli Armando ed Antonio Del Re. Il primo secondo gli inquirenti è l’uomo che avrebbe tentato di uccidere Salvatore Nurcato ferendo invece la piccola Noemi e sua nonna. Armando è stato fermato sulla Siena-Bettolle, in provincia di Siena, mentre il fratello Antonio, che lo ha aiutato a nascondersi, è stato rintracciato a Nola. L’agguato, ha detto il procuratore di Napoli Giovanni Melillo confermando gli arresti, “è maturato in pieno contesto camorristico”. Decisive, per risalire all’uomo che ha sparato, le immagini registrate dalle telecamere nella strada dove è avvenuta la sparatoria.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

La politica che ama il Medioevo

Va bene che la destra è conservatrice e quella italiana addirittura preistorica, ma quando ieri le cronache parlamentari narravano della Meloni che ha scritto a Salvini per accordarsi sui candidati alle amministrative non poteva che scapparci da ridere. Ma come: stanno sempre col telefonino in

Continua »
TV E MEDIA