Cda Milan, contestato Silvio. Piccoli azionisti scatenati: via il presidente e Galliani. Niente campioni e debiti per 89 milioni di euro

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Al Milan l’era Berlusconi volge al tramonto. Il presidentissimo non gode più della stima degli azionisti. Tra i piccoli, soprattutto, ha perso l’appeal. Anche nei momenti più difficili la fiducia nel Cav non è mai venuta meno. Il presidente comprava un paio di top player e la situazione si risolveva. Ma quest’anno sul banco degli imputati la società c’è finita proprio perché non ci sono più i campioni. In pratica è una squadra da 6-7° posto. Un asset che ha perso molto del suo valore. Durante il cda di ieri nel mirino della contestazione ci sono finiti i vertici. Sia Berlusconi sia l’ad Galliani. I piccoli azionisti hanno chiesto senza mezze misure di andarsene dal club. “Da cinque anni siamo la barzelletta del calcio internazionale e non facciamo nemmeno più ridere” – hanno gridato gli azionisti – “La colpa non è degli allenatori (in 25 mesi ne sono stati cambiati cinque, ndr)”.

I NODI AL PETTINE – Che fine ha fatto la questione stadio di proprietà al Portello? Perché il numero dei tesserati è di 172 (64 calciatori e 108 tecnici), contro i 99 (51+48) della Juventus e i 53 (27+26) del Napoli? Il costo azienda dei tesserati è di 865.000 euro circa. Come si giustifica? La conclusione è che il Milan è tecnicamente fallito. Il passivo è metà del fatturato. Il rosso in bilancio ammonta a 89,3 milioni. Nonostante le assicurazioni di Galliani, i piccoli azionisti hanno votato contro l’approvazione del bilancio 2015. Battaglia anche sulla nomina del cda. Per la prima volta in 30 anni è stata spuntata una lista alternativa composta da ex calciatori. Alla fine la squadra di Fininvest ce l’ha fatta: Barbara Berlusconi, Paolo Berlusconi, Leonardo Brivio, Pasquale Cannatelli, Giancarlo Foscale, Leandro Cantamessa e Galliani vice presidente vicario.

VAFFANCINA – Se gli azionisti chiedono le dimissioni di Galliani e l’uscita di scena del Cav (per lui ruolo da presidente onorario), i tifosi vedono di buon occhio l’ingresso di gruppi solidi e ricchi. I cinesi non più visti come invasori, bensì come salvatori della baracca.