C’è il Processo contro Mediaset. Il Biscione gongola perché il calcio fa il pieno di share. Ma la trasmissione che fu di Biscardi torna su Raitre

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Tre serate da sballo per il Biscione che ormai adora andare nel pallone. Juve, Barcellona e Fiorentina complessivamente hanno portato una media di quasi 21 milioni di telespettatori. Con share altissimi (50% la somma delle due di Champions e il 12,7% la Fiorentina). Se poi si aggiungono i 6 milioni e mezzo del prepartita della Juve in access prime time e gli ottimi risultati degli speciali in seconda serata che hanno seguito le partite ecco che Mediaset può essere fiera degli investimenti calcistici fatti con l’acquisto dei diritti tv dell’Uefa. Alla luce soprattutto del fatto che il loro competitor Sky ha avuto una settimana sottotono, in quanto Canale 5 è riuscito a strappare la diretta in chiaro anche al martedì. Quindi niente esclusiva della Juve per l’emittente satellitare che al ritorno non potrà nemmeno trasmettere i bianconeri perché il mercoledì l’esclusiva ce l’ha il Biscione.

LA SFIDA DEL LUNEDì
Ecco dunque perché la prossima stagione si preannuncia come una cavalcata trionfale per Mediaset. La Champions in esclusiva per tre anni e l’Europa League fanno sì che si possono cullare sogni in grande riguardo gli investitori pubblicitari e gli abbonati a Premium. L’aumento di tessere potrebbe avere un doppio effetto se dovessero diminuire quelle di Sky. Nella prossima stagione per quanto riguarda il calcio a Ilaria D’Amico e Fabio Caressa resta solo la Serie A, le nazionali (e i campionati esteri di Fox sport che però trasmette anche Premium). La Rai si consola con la Coppa Italia che nella fase finale fa ascolti d’oro. Proprio dalla tv di Stato arriva un attacco a Mediaset. Il direttore di Raisport, Carlo Paris, è riuscito a convincere l’azienda a far trasmettere il Processo del Lunedì su Raitre. Se la notizia verrà confermata (ricordate il caso di Maracanà con Polito e Geremicca che diedero forfait e la trasmissione fu abortita?), troveremo una sfida degna di quella tra la Domenica sportiva e Controcampo. Questa volta si sfideranno Il processo con Enrico Varriale al comando e Tiki Taka di Pierluigi Pardo. Il calcio canonico contro le bollicine. Un derby dall’esito interessante con l’unico rischio che dal punto di vista degli ascolti si verifichi quello che è accaduto al martedì con Ballarò e Floris su La7. Chi vedeva un anno fa il talk del martedì ha continuato a vederlo e lo share si è diviso tra i due. Quindi Tiki Taka che viaggia alla media di un bel 7,5% potrebbe perdere qualche punto. E Raitre, viste le medie di questa stagione in seconda serata, avrebbe solo da guadagnare. Pardo resterà al comando del suo show, con Liguori e Mughini opinionisti. Per quanto riguarda la componente femminile potrebbero esserci delle novità. Melissa Satta e Francesca Barra non è ancora sicuro se saranno della partita. I fan possono stare tranquilli: non spariranno dal video. La Barra potrebbe fare il salto atteso da tempo: la conduzione di un programma di cronaca.

TORNA LA FERRARI
Tra le nuove disposizioni di Paris a Raisport ci sono il ritorno di Paola Ferrari (concordato con l’azienda) in conduzione (probabilmente alla Domenica sportiva) e la decisione di non dare più doppi incarichi ai giornalisti.
Chi seguirà la nazionale azzurra non potrà condurre trasmissioni (quindi si cerca un sostituto per Marco Mazzocchi a Novantesimo minuto).

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Adesso basta errori sul virus

Cantano vittoria come se avessero ottenuto chissà cosa, ma l’Italia che comincia a riaprire dal 26 aprile non è un successo delle destre. Con le solite balle a uso elettorale, Salvini & company da ieri stanno ingolfando i social per intestarsi il ritorno alla normalità

Continua »
TV E MEDIA