Che caos per la presidenza di Viale Mazzini. Bocciato dalla Vigilanza Foa resta nel Cda: “Continuo come consigliere anziano”

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Non si è ancora sbloccata la partita per la presidenza della Rai. Dopo la bocciatura di Marcello Foa da parte della Commissione di Vigilanza la situazione resta nel caos. A determinare il no a Foa la decisione di Forza Italia di astenersi dalla votazione, rimandendo fuori dall’Aula. Voti che non sono arrivati, oltre che dagli azzurri, da parte del Pd e di LeU. Una mera decisione politica quella di Forza Italia che è andata così allo scontro anche con gli alleati della Lega, dicendo no a un candidato dell’area politica di centrodestra e che, per di più, è stato anche un dipendente del Giornale della famiglia Berlusconi.

Foa, intanto, non si è dimesso. “Oggi – ha spiegato in una nota Foa – ho informato i miei colleghi del Consiglio di Amministrazione che sono ancora in attesa di indicazioni dell’Azionista e che nel frattempo continuerò, nel pieno rispetto di leggi e regolamenti, a coordinare i lavori del Cda come consigliere anziano, nell’esclusivo interesse del buon funzionamento della Rai. Voglio sottolineare che in queste prime riunioni il clima all’interno del Consiglio è stato ottimo, di confronto franco e leale con colleghi di grandissimo valore – c’ha tenuto a precisare – e che lo spirito che ci unisce è quello di servizio per la più grande azienda culturale del paese”.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Bongiorno conflitti d’interesse

Fosse per certi leghisti dovrebbe dimettersi pure Papa Francesco. Quindi che c’è da meravigliarsi se ieri si sono svegliati con la pretesa di cacciare dal governo la sottosegretaria Macina, coriacea esponente dei 5 Stelle passata per le armi senza bisogno di processo per lesa maestà

Continua »
TV E MEDIA