Colosseo salvo per il rotto della cuffia. Evitata la chiusura. Ma il personale resta in allarme

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

di Simona De Santis

I dipendenti del Ministero dei beni culturali avevano promesso di dare battaglia per ottenere il pagamento degli straordinari arretrati. Erano passati alle vie di fatto, serrando gli ingressi del Colosseo e di moltissimi altri siti e musei artistici e archeologici del nostro Paese. La loro azione aveva provocato grossi disagi ai turisti, ma alla fine è servita per ottenere la soddisfazione dei loro diritti. Il Ministero ha fatto sapere in una nota pubblicata sul sito ufficiale, che sono stati sbloccati i fondi per pagare le retribuzioni straordinarie arretrate. Il Mibac ha infatti acquisito i pareri definitivi e favorevoli del Dipartimento della Funzione Pubblica e della Ragioneria generale dello Stato per la ripartizione del Fondo Unico dell’Amministrazione per il 2013.
Tante intanto le iniziative che sono messe in campo dai sindacati nelle regioni: dall’assemblea alla Biblioteca Nazionale di Roma, che ha raccolto gli operatori del Lazio, alla mobilitazione e il volantinaggio presso gli Archivi di Stato di Forli’ e Perugia rispettivamente per l’Emilia Romagna e l’Umbria; dalla mobilitazione di Palazzo Reale a Napoli a quella della cittadella della cultura di Bari. E poi Marche, Sardegna, Basilicata. L’Italia dei grandi patrimoni culturali, compresi quelli librari e documentali, e dei servizi al cittadino (la sola Biblioteca Nazionale di Roma conta oltre 300mila accessi all’anno), si è attivata per promuovere un cambio di rotta sulla tutela dei beni culturali e sulla necessaria valorizzazione delle professionalità partendo da quelle in servizio presso il Mibac.
Per venerdi sono previste ancora iniziative dei lavoratori di musei e siti archeologici: al Collegio Romano sede del Ministero, a Pompei, in Piazza San Marco a Venezia, agli Uffizi di Firenze, in Piazza Carigliano a Torino, ad Aquileia in Friuli. La nota del ministero ha di certo cambiato la situazione, ma è ancora presto per dichiarare il cessato pericolo per un settore che da anni è rimasto trascurato. Oltre gli annunci gli operatori vogliono vedere i fatti. E il tempo perché questi si concretizzino è sempre più poco.